Elezioni comunali 2018, Home — 16 maggio 2018 alle 19:18

ELEZIONI IMPERIA 2018: LETTERA APERTA DEL COMITATO “VIA CASCIONE ISOLA FELICE” AI CANDIDATI SINDACO E CONSIGLIERI

- Così in una nota stampa il presidente del Comitato “Via Cascione un’isola felice”, Andrea Falciola, scrive una lettera aperta ai candidati sindaco e consiglieri

di Redazione

via-cascione-lettera-candidati-sindaco-imperia

Gentilissimo concittadino, chi scrive è il Comitato che rappresenta i cittadini favorevoli alla pedonalizzazione e sensibili alla vivibilità della città: vogliamo congratularci e al contempo ringraziarLa per l’interesse e la disponibilità dimostrata, con la Sua candidatura, nei confronti del nostro Comune - Così in una nota stampa il presidente del Comitato “Via Cascione un’isola felice”, Andrea Falciola, scrive una lettera aperta ai candidati sindaco e consiglieri.

La lettera ai candidati sindaco e consiglieri

“Oltre venti anni fa nacque il gruppo spontaneo “L’isola che non c’è”, le cui istanze furono recepite dall’Amministrazione comunale quando venne redatto il Contratto di Quartiere che ottenne cospicui finanziamenti dalla Comunità Europea. 

I continui rinvii dell’inizio lavori, con il rischio di perdere i finanziamenti pubblici, ci spinse a trasformarci e a strutturarci nel Comitato Via Cascione: un’isola Felice.

Quando (finalmente) furono avviati i lavori e contro la loro esecuzione insorsero, anche con pesanti azioni legali, alcuni commercianti della via, supportammo l’Amministrazione Comunale con una raccolta di firme che in pochi giorni ottenne oltre mille adesioni.

Ora la riqualificazione è “quasi” finita: mancano alcuni piccoli particolari che farebbero però una grande differenza e quindi ci permettiamo di chiedere la Sua opinione sia sui lavori ancora da eseguire che sull’eventuale estensione della ZTL anche alla parte parte bassa della via.

Qualora invece sia lecitamente di opinione diversa e favorevole alla riapertura al traffico veicolare, La preghiamo di renderlo chiaramente noto. Il Comitato si farà carico di comunicare alla cittadinanza e in particolare ai mille firmatari della petizione, le risposte pervenute”.

 

 
 
 
POPUPOKLANT