Attualità, Home — 3 aprile 2014 alle 13:35

IMPERIA. PRESIDIO DI SCORTA CIVICA NAZIONALE ANTIMAFIA DI FRONTE ALLA PREFETTURA/LE IMMAGINI

A sostegno dei giudici del processo di Palermo, affinché Nino Di Matteo
sia dotato del Bomb Jammer. Al presidio hanno aderito il movimento Agende Rosse e Libera provinciale

di Redazione

10168391_730100827010328_766309502_n

Si è tenuto questa mattina a Imperia, di fronte alla Prefettua, il presidio di Scorta Civica Nazionale Antimafia per chiedere al ministro dell’Interno Angelino Alfano una risposta immediata in merito alla concessione del dispositivo ‘bomb-jammer’ al magistrato Nino Di Matteo, il PM palermitano condannato a morte da Salvatore Riina. Il ‘bomb-jammer’ è un emettitore di segnali in grado di bloccare la trasmissione di onde elettromagnetiche nel raggio di alcune centinaia di metri e di annullare l’eventuale innesco a distanza di ordigni esplosivi.

L’iniziativa è stata promossa dal Movimento Agende Rosse in collaborazione con l’Associazione Nazionale Familiari Vittime di mafia, la rivista Antimafiaduemila e diverse altre associazioni, tra cui Libera Provinciale e la neonata Scorta Civica Imperia.

Il 12 aprile prossimo, a Roma, è in programma una riunione nazionale, e una delegazione, insieme ad Agende Rosse, con Salvatore Borsellino e Federico Ferme, coordinatore nazionale di Scorta Civica, saranno ricevuti dal Ministro Alfano.

10154746_730100820343662_379545795_n

10153576_730100823676995_1287211148_n

10153446_730106220343122_1697340469_n

10152909_730100817010329_764053548_n