Attualità, Home — 25 maggio 2018 alle 15:50

IMPERIA: RIVIERA TRASPORTI, INCUBO CRACK FINANZIARIO. L’USB:”DIRIGENZA ED AZIONISTI SCARICANO SUI LAVORATORI I LORO ERRORI”

Così in una nota stampa l’Unione Sindacale di Base, a seguito della situazione di Riviera Trasporti, azienda incaricata della gestione del servizio di trasporto pubblico nel comprensorio imperiese, a rischio default finanziario

di Redazione

usb-rt-imperia-riviera-trasporti

“Con stucchevole puntualità (e scarsa fantasia), nei giorni in cui si tornano a discutere nelle aule di tribunale le cause che vedono coinvolti decine di lavoratori contro la disdetta dei loro integrativi avvenuta nel 2014, la dirigenza di RT torna ad agitare lo spettro del fallimento - Così in una nota stampa l’Unione Sindacale di Base, a seguito della situazione di Riviera Trasporti, azienda incaricata della gestione del servizio di trasporto pubblico nel comprensorio imperiese, a rischio default finanziario, con conseguenze disastrose per i 300 lavoratori.

 

La nota stampa dell’Unione Sindacale di Base

Pur se abituati a questi tentativi maldestri di intimidire i lavoratori , restiamo comunque allibiti ed indignati di fronte all’arroganza e alla facilità con cui chi dirige RT scarica sui dipendenti colpe e responsabilità che invece sono soltanto dei vertici. Invece di minacciare, dirigenza ed azionisti dovrebbero spiegare e giustificare come è possibile che non siano stati in grado di gestire un azienda dove da mesi non sono pagati parte degli stipendi a molti lavoratori, dove è stata disdetta la contrattazione integrativa e dove dal 2015 l’organico è stato ridotto di quasi 80 unità.

Sconcerta ed indigna che, ai lavoratori che chiedono equità di trattamento e che per vedersi riconosciuto il sacrosanto diritto al contratto di secondo livello sono stati costretti a rivolgersi al giudice, viene risposto minacciando il default aziendale.

Chi ha tenuto in piedi RT in questi anni ? I vertici aziendali o piuttosto i sacrifici dei lavoratori e gli stipendi decurtati di coloro che si battono per i loro diritti? Come abbiamo sempre ribadito, in tutta questa vicenda esiste una solo certezza: gli unici che hanno fatto il loro dovere in questi anni sono i lavoratori.

Azionisti e dirigenza NO, come dimostrano tra l’altro lo stato vergognoso e le carenze del parco mezzi, la vicenda dell’idrogeno, il rebus della filovia e tutte le problematiche che si trascinano irrisolte da anni. Invece di essere ringraziati , e molti dovrebbero essere lodati due volte perché hanno lavorato come tutti ma con minore retribuzione, vengono intimiditi e addirittura nel recente passato accusati di ammalarsi troppo.

Naturalmente, alla grancassa aziendale che paventa il fallimento, si uniscono le trombe delle oo.ss. complici e sempre pronte a correre in soccorso dei vertici. Le stesse che in questi mesi rassicuravano i lavoratori e le stesse che in questi anni hanno colpevolmente chiuso gli occhi di fronte alla vergognosa discriminazione salariale e si sono prestate al gioco ricattatorio dell’azienda .

Siamo certi che i lavoratori respingeranno questi tentativi intimidatori . USB sarà al loro fianco e continuerà a battersi perchè siano accertate le vere responsabilità di questa vergognosa situazione, chiusa la stagione delle discriminazioni salariali (per le quali RT peraltro è già stata condannata), garantiti salario e diritti e un trasporto pubblico di qualità che lavoratori e cittadini della Provincia di Imperia meritano e reclamano.