Cronaca, Home — 29 maggio 2018 alle 15:23

TENTA DI ENTRARE IN ITALIA OLTRE 9 KG DI MARIJUANA NASCOSTI IN UN TROLLEY, 24ENNE ARRESTATO DALLA GUARDIA DI FINANZA GRAZIE AL FIUTO DEL CANE BACON

I finanzieri delle Compagnie di Ventimiglia e di Imperia, nel corso dei continui servizi presso il confine di Stato, hanno intercettato un corriere di sostanze stupefacenti e fermato un latitante evaso dagli arresti domiciliari

di Redazione

marijuana-confine-finanza-arresto-droga

I finanzieri delle Compagnie di Ventimiglia e di Imperia, nel corso dei continui servizi presso il confine di Stato, hanno intercettato un corriere di sostanze stupefacenti e fermato un latitante evaso dagli arresti domiciliari.

La guardia di finanza intercetta un corriere di sostanze stupefacenti

In una prima occasione i militari hanno fermato un autobus di linea spagnolo diretto a Milano. Dopo aver esaminato la lista dei passeggeri, i militari hanno fatto scaricare i bagagli custoditi nel bagagliaio e li hanno passati in rassegna con l’aiuto del cane antidroga Bacon, un labrador maschio di 6 anni.

Non è stato difficile per Bacon segnalare tra le valigie e i borsoni un trolley di color marrone, di proprietà di un ragazzo di 24 anni, originario del Gambia.

All’interno del trolley, sotto montagne di polvere di caffè, usata per cercare di sviare il fiuto dei cani, sono stati trovati tre grandi sacchi di cellophane sottovuoto con all’interno 9,7 kg di Marijuana. Il ventenne, senza fissa dimora, avrebbe ricevuto la valigia da un connazionale nella città catalana di Lleida con il compito di portarlo a Milano.

Tutta la sostanza stupefacente è stata sequestrata e l’uomo, arrestato in flagranza del reato di traffico internazionale di sostanze stupefacenti, è stato condotto in carcere a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

I finanziari fermano un latitante evaso dagli arresti domiciliari.

In un secondo intervento è stata fermata e controllata un’automobile francese alla cui guida era un quarantenne di origini serbe, da oltre 8 anni residente in Italia, nella provincia di Bologna. Una volta identificato il fermato che dichiarava di essere diretto in Serbia, i militari si sono resi conto che aveva numerosi precedenti per furto, furto aggravato e immigrazione clandestina e che la patente di guida italiana esibita per il controllo era contraffatta.

Ma soprattutto le Fiamme Gialle hanno scoperto che su di lui pendeva un mandato di cattura emesso nell’agosto dell’anno scorso dall’autorità giudiziaria bolognese perché evaso dagli arresti domiciliari ai quali era sottoposto. Il cittadino serbo è stato condotto presso la casa circondariale di Sanremo a disposizione dell’Autorità giudiziaria che lo ricercava e lo ha denunciato anche per “uso di atto falso”.

 
 
 
popup