Home, Imperia — 4 aprile 2014 alle 07:20

LA CONFESSIONE DI UNO DEI VANDALI DELLA SCUOLA BOINE: “AVEVO UN PESO TROPPO GROSSO E MI SONO PENTITO”

Il giovane difende i genitori criticati: “i miei genitori mi hanno educato ma il coglione sono io fidatevi”.

di Gabriele Piccardo

boine

Imperia  - “Hanno scoperto tutto perché sono io che ho confessato tutto avevo un peso troppo grosso e mi sono pentito di aver fatto un gesto simile e mi sono preso le mie responsabilità. Andró a quella scuola e chiederó scusa”È  questo il commento pubblicato sulla pagina facebook di ImperiaPost da uno dei cinque minorenni che nella notte tra venerdì e sabato scorsi si sono introdotti all’interno della scuola media Giovanni Boine rubando alcuni registri, un computer e danneggiando alcune lavagne elettroniche oltre all’aver imbrattato alcuni muri con frasi ingiuriose e blasfeme.

Sarebbe, dunque, stato il giovane a confessare tutto ai Carabinieri di Imperia che nel giro di 48 ore hanno chiuso il caso individuando gli altri quattro responsabili e ritrovando la refurtiva anche se in parte bruciata. I giovani avevano passato la notte fuori di casa senza darne notizia ai genitori che hanno denunciato la scomparsa. La notizia dell’identificazione dei responsabili, ha scatenato un forte dibattito sulla pagina facebook del nostro giornale e la maggior parte dei commenti sono stati di condanna per il gesto apprezzando però il coraggio e il gesto del giovane che ha confessato che ha ancora commentato: “Sentite,non mi scannate, uno di loro ero io so di aver sbagliato e pagheró tutto io… i miei genitori mi hanno educato ma il coglione sono io fidatevi”.

Il giovane e la sua famiglia saranno chiamati a pagare i danni causati alla scuola e i cinque giovani rischiano una denuncia per furto e danneggiamento.