Home, Politica — 30 maggio 2018 alle 20:06

MATTEO SALVINI A IMPERIA, CRISI DI GOVERNO. “PERCHÈ NON PUÒ FARE IL MINISTRO IN ITALIA CHI NON STA SIMPATICO AI TEDESCHI?”/FOTO E VIDEO

Matteo Salvini a Imperia a sostegno del candidato del centrodestra Luca Lanteri, nel pieno dello scontro istituzionale con il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

di Redazione

33940242_10214450498910206_8228891991761485824_n

Matteo Salvini a Imperia a sostegno del candidato del centrodestra Luca Lanteri, nel pieno dello scontro istituzionale con il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Il leader della Lega ha deciso di fare tappa a Imperia in via Cascione per tenere un comizio elettorale in vista delle elezioni amministrative del prossimo 10 giugno e durante il discorso ha esposto le sue opinioni sulla situazione  attuale della politica nazionale.

Salvini è stato accolto con grande entusiasmo da una folla raccolta in via Cascione.

Matteo Salvini

“Possiamo avere tanti difetti ma manteniamo sempre la parola data, nonostante tutti i problemi ho mantenuto la promessa di venire a Imperia. Imperia merita di guardare avanti e non merita di avere qualcuno che guarda al passato e non dico altro. La domenica del voto bisogna guardare al futuro. In bocca al lupo.

Io seguo via telefono cosa sta succedendo a Roma, ci sono cambiamenti degli ultimi minuti. Dal 4 marzo ad oggi stiamo facendo solo quello che può far bene all’Italia e ai nostri figli. Un governo è stato bloccato sul nascere perché c’era un ministro che non stava simpatico ai tedeschi e ai burocrati europei. Qualcuno in queste ore mi dice facciamo partire il governo, spostiamo il ministro. Ma io mi domando, perché non può fare il ministro in Italia uno che non sta simpatico ai tedeschi?

Abbiamo indicato un ministro dell’economia uno dei più grandi economisti al mondo. Alcune regole europee fanno male all’Italia. Bisogna ridiscutere pezzo per pezzo le regole europee, la Bolkestein, le norme sull’immigrazione, non possiamo essere un campo profughi. Non possiamo fare un governo solo se c’è il permesso dello spread.

Abbiamo rinunciato a molto. La coerenza vale più di mille ministeri. Il governo lo faccio partire con la faccia della Lega se è un governo libero di difendere l’interesse di 60 milioni di cittadini italiani. Un governo dove i ministri devono stare simpatici ad altri no.

Si è già perso tanto tempo, il governo sarebbe già pronto da diversi giorni se qualcuno non avesse detto no. Allora tanto varrebbe essere eletto. Saremo in tutte le piazze per chiedere se non è il caso che siano gli italiani a eleggere direttamente il presidente della Repubblica.

Per cancellare le leggi bisogna andare al governo. Ce la mettiamo tutta. Vi garantisco che nessuno ci fermerà o spaventerà. Non andiamo indietro di un millimetro. Da persone adulte che persone adulte e mantengono la parola data. I ministri in un governo non sono come i calciatori in un calcio mercato. Spero che il governo parta il prima possibile e seriamente e che porti un po’ di sicurezza, lavoro e serenità.

Sarebbe il paese più bello del mondo se si pagassero meno tasse, se il negozio potesse avere meno burocrazia, più sicurezza in più, bisogna restituire il sacrosanto diritto alla legittima difesa. Se no finisce come al ristoratore di Lodi, processato per eccesso di legittima difesa.

La riforma della giustizia, non possono durare 10 anni i processi. Ci sono tante cose da sistemare.

Domenica votate Lega perché io di vedere Renzi che parla non ne posso più. Hanno rovinato l’Italia. Non ci hanno fatto fare il governo, saliva lo spread è colpa di Salvini. Vogliamo solo stare tranquilli a casa nostra e non vogliamo il precariato previsto per legge. Se il primo lavoro stabile lo trovi a 50 anni come si può fare figli.

Dire “prima gli italiani” in Italia è quasi reato. Dico mamma e papà perché il buon Dio ci ha fatto uomini e donne. Non genitore 1 o genitore 2, non un papà e 5 mamme, non un giorno papà e un giorno mamma. Bisogna pensare al diritto di chi non può difendersi da solo e che ha il diritto di avere una mamma e un papà.

Scegliere il sindaco è fondamentale. Bisogna scegliere un sindaco in gamba. Per le scuole, tasse comunali, parcheggi. Se avremo la fortuna e l’onore di andare al governo di questo paese trasferiremo ai sindaci pieni poteri.

Luca in bocca al lupo per una stagione estiva non miracolosa, ma per una città più bella più pulita e ordinata, con più turisti paganti. Contate su di me. Non so se tornerò da presidente del Consiglio o ministro o normale cittadino, ma contate su di me. Grazie di cuore.

Vogliamo un governo per gli italiani e non per i tedeschi o per i burocrati”.

La diretta dell’intervento di Matteo Salvini in via Cascione

—-