Elezioni comunali 2018, Home — 11 giugno 2018 alle 11:38

ELEZIONI IMPERIA 2018: “IRREGOLARITÀ NELLO SPOGLIO DELLE SCHEDE ELETTORALI”. ESPLODE LA POLEMICA, MARIA NELLA PONTE (M5S). “ABBIAMO CHIAMATO LE FORZE DELL’ORDINE”/IL CASO

Durante la notte di scrutinio, infatti, il candidato sindaco del M5S Maria Nella Ponte ha evidenziato presunte irregolarità ai seggi, segnalandole sia online sia alle forze dell’ordine.

di Redazione

Schermata 2018-06-11 alle 11.36.36

Sono ormai definitivi i dati delle elezioni comunali del 10 giugno 2018, ma le polemiche sulle operazioni di spoglio delle schede elettorali non si placano.

Durante la notte di scrutinio, infatti, il candidato sindaco del M5S Maria Nella Ponte ha evidenziato presunte irregolarità ai seggi, segnalandole sia online sia alle forze dell’ordine.

Le polemiche sui Point elettorali

Non si tratta della prima polemica avanzata dalla Ponte in questa campagna elettorale. Proprio nella giornata di sabato 9 giugno, giornata di silenzio elettorale, la candidata aveva evidenziato presunte anormalità presso i Point dei candidati concorrenti.

In particolare, la Ponte aveva presidiato per circa un’ora il Point di via dell’Ospedale di Claudio Scajola, contestando il fatto che ci fossero manifesti e televisione accesa con spot elettorali in bella vista, chiamando Polizia Municipale e Carabinieri. Oltre ai vigili urbani, che hanno effettuato un controllo, durante la mattinata sono intervenuti gli agenti della Digos che hanno provveduto a far spostare i manifesti e la televisione di un metro dalla vetrina.

Le dichiarazioni di Maria Nella Ponte sulle presunte irregolarità nello spoglio dei voti

“Sono candidata a Sindaco per Imperia. Oggi è l’11 di giugno, stiamo assistendo alle operazioni di spoglio e abbiamo rilevato già dalle 11 e un quarto delle gravissime irregolarità nelle modalità di spoglio, in quanto le schede, anche quando sono state estratte singolarmente dalle urne, il voto non veniva registrato nei registri dai segretari. Quindi hanno svuotato le urne senza compilare i registri.

Ci troviamo a Caramagna, siamo stati illegittimamente allontanati dalla sezione numero 10, con la richiesta di intervento delle forze dell’ordine da parte del presidente del seggio, che ci ha invitato me e la rappresentante di lista Tiziana Concas ad entrare nel seggio dove stava avvenendo lo scrutinio. Le urne erano già tutte vuote, i registri non compilati. Abbiamo chiesto di mettere a verbale le modalità di scrutinio che sono state eseguite qui come in piazza Calvi e in tante altre sezioni dove i rappresentanti M5S sono presenti e hanno cercato di far mettere a verbale queste modalità illegali. 

Purtroppo con 18 liste, 8 candidati sindaco, oltre 550 candidati a consiglieri, se non viene rispettata la legge nella estrazione e registrazione dei voti, diventa complesso, con le possibilità dei voti disgiunti e le schede nulle e in bianco che non sono state annullate subito dai presidenti di seggio, tutte irregolarità che invalidano tutti i voti delle sezioni dove sono state rilevate.

Abbiamo richiesto subito di far mettere a verbale queste irregolarità. Abbiamo chiesto l’intervento delle forze dell’ordine, che ci hanno detto che sono al servizio del presidente di seggio.

Abbiamo chiesto l’intervento del 112, Digos, che non può intervenire chiamati da una forza politica, ma solo dal presidente di seggio.

Questi presidenti di seggio che hanno messo in atto queste irregolarità nello spoglio dei voti sono passibili di sanzioni penali da 3 a 6 mesi. Nessuno di loro chiamerà mai le forze dell’ordine per rilevare un’irregolarità di valenza penale.

Abbiamo chiamato la Prefettura, parlando con il dott. Badano, responsabile ufficio elettorale, scandalizzato da questa situazione, mi ha confermato che avrebbe chiamato il comune per verificare. 

A Imperia la legalità non è mai stata troppo rispettata, anche in sede di tornata elettorale non viene rispettata. Siamo stati allontanata dal seggio dal presidente, che ci aveva chiamato ad entrare per chiarire. Oltre al danno anche la beffa, di essere radiati dal seggio.

Se le operazioni di scrutinio sono state svolte in maniere corretta è sufficiente entrare, perché la sede del seggio durante lo spoglio è pubblica, verificare se le urne sono vuote e i registri compilati. Se non è così, c’è in corso una violazione penale.

Speriamo in un intervento tempestivo da parte del Comune e della Prefettura affinché tutto ciò sta avvenendo a Imperia arrivi alla luce del sole, anche se siamo di notte. È intervenuta anche rai 3 a rilevare la situazione. La nostra lista ha rilevato questa irregolarità di scrutinio in moltissimi seggi”.

 
 
 
ballottaggio