Elezioni comunali 2018, Home — 15 giugno 2018 alle 09:17

ELEZIONI 2018: CLAUDIO SCAJOLA VERSO IL BALLOTTAGGIO, FALCIOLA (IMPERIA INSIEME) SULLA CANDIDATURA DI LUCA LANTERI. “UN’ALTRA PATACCA PER MASCHERARE IL SUO PASSATO”

Interviene così, in una nota stampa Luca Falciola, candidato con Claudio Scajola nella lista “Imperia Insieme”

di Redazione

falciola imperia insieme luca lanteri claudio scajola

“Con che faccia Luca Lanteri può professarsi nuovo? Come può dire che con lui Imperia guarda al futuro? Un’altra patacca per mascherare il suo passato – Interviene così, in una nota stampa Luca Falciola, candidato con Claudio Scajola nella lista “Imperia Insieme“.

La nota stampa di Luca Falciola, Imperia Insieme

“Credo che gli elettori di Imperia abbiano capito, realmente, la grande differenza tra la squadra civica che appoggia Claudio Scajola e quello che era il centro destra di un tempo che oggi appare confuso, arrabbiato e molto teso, forse pentito degli errori compiuti.

I candidati nelle liste che appoggiano Claudio Scajola hanno dimostrato di essere dinamici, liberi, responsabili e mossi da un entusiasmo che in pochi momenti della mia esperienza politica ho avuto modo di vedere.

Ciò rappresenta indubbiamente il lato bello della politica. Ciascuno ha aggiunto qualcosa, ciascuno si è impegnato in questi mesi, dal più giovane a quello con più esperienza, ad aiutare, condividere, suggerire e partecipare, per ragionare insieme sul futuro di Imperia. Senza secondi fini, senza diktat da parte di nessuno. 

Tutti noi possiamo fare tanto ma, se non guidati da chi ha più esperienza, i nostri tentativi potrebbero essere inutili.

Vedete, Claudio Scajola non ha mai avuto l’arroganza di ritenersi nuovo, ma al più si è ritenuto utile in un momento difficile e, piaccia o meno, di certo ha dato ampia prova circa la sua capacità ad amministrare. Si è messo, questo è evidente anche ai suoi detrattori, al servizio della nostra città.

Qualcuno lo potrà trovare simpatico, qualcuno antipatico, ma credo sia difficile che non riconoscergli capacità, coerenza e caparbietà.

Ciò detto, dall’altra parte si registra l’assurdo.

Ed infatti gli imperiesi devono addirittura leggere le parole di Luca Lanteri, Antonello Ranise, Gianfranco Gaggero ed ecc., che si professano nuovi, giovani, freschi…

Facciamo chiarezza: l’attuale candidato sindaco, che ha sostituito la sua faccia con quella di Salvini fino all’altro ieri, siede tra i banchi del Consiglio comunale, se non erro, dal 1995 e lì ha ricoperto diversi ruoli.

In un primo momento, è stato in Comune come consigliere, successivamente come assessore all’urbanistica e dopo ancora come vice sindaco del Comune di Imperia.

Poi, è bene ricordarlo, è diventato uno dei fondatori dei circoli imperiesi a favore di Matteo Renzi, successivamente, nel 2013, uno degli artefici della lista di “ Imperia Cambia” che appoggiava il Partito Democratico, a favore dell’elezione di Carlo Capacci.

In un terzo momento, si è impegnato nelle elezioni Regionali del 2015 in appoggio alla candidatura a Governatore per il centro sinistra della Sig.ra Raffaella Paita e, specifico, in contrapposizione alla candidatura di Giovanni Toti (ora suo sponsor), proponendosi, altresì, come alternativa a Marco Scajola.

Dopo queste esperienze, sempre coerenti e cristalline, Lanteri è rientrato nel centro destra con il movimento “Noi per l’Italia” creato dall’On. Fitto ed oggi, credo come ultima scelta, ha accettato la candidatura a Sindaco da parte di Forza Imperia – Lega, più ciò che resta di Fratelli d’Italia.

Vi giuro che, se un minimo non conoscessi la storia, avrei difficoltà a ricordare tutti i passaggi e l’ordine degli eventi. Con che faccia Luca Lanteri può professarsi nuovo? Come può dire che con lui Imperia guarda al futuro? Un’altra patacca per mascherare il suo passato.

Credo che ogni altro commento sia superfluo”.