Cultura e manifestazioni, Home — 28 giugno 2018 alle 19:30

L’ARTISTA IMPERIESE MRFIJODOR TRASFORMA I MURI DELLO SPAZIO POPOLARE NERUDA DI TORINO:”LÌ VIVONO 120 PERSONE IN EMERGENZA ABITATIVA, PER RENDERE LA LORO VITA MENO GRIGIA…”/LE IMMAGINI

Una nuova vita per lo Spazio Popolare Neruda a Torino grazie all’arte dell’imperiese MrFijodor.

di Gaia Ammirati

Schermata 2018-06-27 alle 18.16.40

Una nuova vita per lo Spazio Popolare Neruda a Torino grazie all’arte dell’imperiese MrFijodor.

Con l’intento di ravvivare gli ambienti dove vivono oltre 120 persone in emergenza abitativa, MrFijodor ha deciso di dipingere i muri con colori vivaci e disegni allegri, cercando di tramutare in realtà i sogni dei ragazzi presenti nella struttura.

Che cos’è lo Spazio Neruda?

“Il Neruda è un gruppo di 120 persone in emergenza abitativa che, non avendo avuto aiuto dal Comune hanno scelto di occupare uno delle centinaia di immobili vuoti e ridargli vita – spiega MrFijodor, contattato da ImperiaPostLa maggior parte delle persone è africana, ma ci sono anche diversi italiani. Molti sono rimasti senza lavoro o sono stati sfrattati. Alcuni il lavoro ce l’hanno, ma con una moglie e tre figli non possono permettersi un affitto. Ci sono molti bambini.

Tutti insieme hanno fatto massa critica e, insieme agli esponenti del centro sociale Askatasuna, hanno occupato un edificio in disuso”.

Perchè hai deciso di partecipare?

“Ho deciso di partecipare perchè queste persone vivono in una situazione di povertà estrema, se non c’è qualcuno che dà una mano come fanno? Allora ho pensato che un bambino che cresce in un posto bello, pulito e colorato, sarà una persona adulta migliore”.

Che cosa hai fatto?

“Ho incontrato i ragazzini che vivono lo spazio e ho messo alcune delle loro idee in grande sui muri della ludoteca. Non volevo che i disegni gli fossero imposti dall’alto, quindi mi sono lasciato guidare. Hanno voluto cuori, dinosauri, pavoni, regine. Ho voluto creare uno spazio che non fosse più grigio e abbandonato”.

Hai altri progetti in mente?

“Poche settimane fa ho portato a termine un progetto a Enna, mentre il prossimo weekend sarò a Cuneo per il Progetto DoRA e poi dal 21 al 28 luglio a Dresda in Germania per Urban Script Continues – GhettoResidency”.