Golfo Dianese, Home — 8 aprile 2014 alle 13:43

GRAZIANO CONSIGLIERI E IL MONDO DI MICHELA IL 10 APRILE A “TEA CON L’AUTORE”

iovedì pomeriggio, alle ore 16:30, presso la Biblioteca “Alfea Possavino in Delucis”, torna il “Tea con l’Autore”, la rassegna proposta dall’Assessorato alla Cultura del Comune di San Bartolomeo al Mare

di Redazione

kRjFBD

 

Imperia – ” Giovedì pomeriggio, alle ore 16:30, presso la Biblioteca “Alfea Possavino in Delucis”, torna il “Tea con l’Autore”, la rassegna proposta dall’Assessorato alla Cultura del Comune di San Bartolomeo al Mare, che ospita autori locali per farli conoscere in modo informale al pubblico presente.

Questa settimana l’Autore è Graziano Consiglieri, giornalista, che ha curato la pubblicazione del libro “La gioia di incontrarci, il mondo di Michela”. Il libro, edito dalla Spes di Ventimiglia, raccoglie gli scritti di Michela Frezza e le tante testimonianze di coloro che l’hanno conosciuta, apprezzata ed amata. Non è una “vita di una santa” e nemmeno un libro lacrimevole su chi è più sfortunato, perché Michela non era né “santa” né “sfortunata”. Michela era, anzi, è ancora una donna combattiva, capace di trasmettere un grande messaggio.

Vivere una vita segnata dalla malattia ma non condizionata da essa. Essere ferma su una carrozzine a viaggiare a velocità quadrupla rispetto ai cosiddetti “normodotati”, non riuscire a parlare e saper comunicare su ogni argomento con tutti. In un mondo in cui a dominare è l’immagine, restituire ai contenuti il loro valore centrale. Riportare se stessi e gli altri a ciò che nella vita conta veramente: l’amicizia, gli affetti, la dignità, la gioia, la lotta per la verità e la giustizia. Michela, mancata a 24 anni, oltre metà dei quali passati a lottare (e anche a ingannare) la sindrome che l’aveva colpita da bambina, ha saputo toccare, a fondo, la vita, i pensieri, i gesti di chi l’ha incrociata nel proprio cammino. La malattia rara, che l’ha costretta su una carrozzina e che l’ha privata dell’uso della parola, non le ha tolto la voglia di vivere, di combattere, di costruire un mondo migliore e di instaurare meravigliose amicizie.

 Questo libro, oltre ad essere lo strumento per finanziare una borsa di studio intitolata a Michela, è il modo, per coloro che l’hanno conosciuta, di ringraziarla per essere riuscita a cambiare le loro vite.

Michela Frezza è nata il 24 giugno 1988. All’età di 11 anni ha cominciato a manifestare i primi sintomi di quella che poi sarebbe stata diagnosticata come una malattia rara di tipo degenerativo. Dopo lunghe serie di visite e costanti peggioramenti le è stata diagnosticata una “encefalomiopatia mitocondriale da difetto del complesso I della catena respiratoria”, denominata anche sindrome di Leigh. Michela ha perso progressivamente la possibilità di camminare e l’uso della parola ma non ha rinunciato né alla vita né allo studio, diplomandosi al Liceo Psico Pedagogico Amoretti di Sanremo, frequentando la Spes di Ventimiglia, dove ha lavorato al periodico Andare Oltre, scritto dai ragazzi dell’associazione, e svolgendo una vita attiva sul piano sociale, nella lotta per i diritti delle donne e dei disabili, impegnandosi su grandi temi. La sua situazione fisica ha però continuato a deteriorarsi, fino alla morte, sopraggiunta il 28 gennaio 2013.

Graziano Consiglieri: Giornalista sportivo de La Stampa e direttore responsabile di Andare Oltre (il periodico della Spes), è nato a Chiavari nel 1960, è laureato in lingue e vive e lavora a Ventimiglia. Per la Spes, oltre a curare il libro “La gioia di incontrarci”, ha già scritto “Amore a prima vista – la nostra fattoria”, romanzo breve ispirato alla vita dei ragazzi e delle famiglie dell’Associazione, redatto a quattro mani con la scrittrice imperiese Genevieve Alberti. Al suo attivo anche il libro di poesie “Di Terra, d’Acqua e di Vento” (Ennepilibri), la storia della Rari Nantes Imperia “Imperia: la pallanuoto e il nuoto” e la collaborazione, assieme al giornalista Carlo Ferraro, nella redazione del volume “50 anni di Panathlon e di sport in provincia di Imperia”.