Home, Sport — 9 aprile 2014 alle 15:43

SERIE A. SCINTILLE ROMA-JUVE. L’ARBITRO IMPERIESE MASSA E LA SQUALIFICA CON PROVA TV DI DESTRO. “NON HO VISTO LA MANATA”

Il fischietto imperiese: “Ho accordato un calcio di punizione a favore del Cagliari per una trattenuta commessa dal calciatore Destro ai danni di Astori. La successiva manata di Destro non è stata vista”. La Roma: “Sconcertati dalla giustizia sportiva”

di Mattia Mangraviti

Schermata 2014-04-09 alle 15.33.48

L’arbitro imperiese Davide Massa è finito nel calderone delle polemiche arbitrali a seguito della squalifica, per 4 giornate, con la prova tv, dell’attaccante della Roma Mattia Destro a seguito di una manata al difensore del Cagliari Davide Astori. L’episodio è avvenuto sabato scorso nel match tra Cagliari e Roma diretto proprio dal fischietto originario di Caravonica.

Le polemiche sono scaturite a seguito dello scambio di mail, pubblicato dai giornali, tra i giudice sportivo e Massa in merito all’episodio incriminato.
In riferimento alla gara Cagliari-Roma – ha scritto Massa – da me diretta in data 06-04-2014, comunico, su richiesta del Giudice Sportivo, che né io né i miei collaboratori abbiamo visto l’episodio relativo alla manata di Destro. Specifico che ho accordato un calcio di punizione diretto a favore del Cagliari per una trattenuta (normale fallo di gioco) commessa dal calciatore Destro ai danni di Astori. La successiva manata di Destro non è stata vista né da me né dai miei collaboratori“.
Precisazioni che hanno mandato su tutte le furie i dirigenti della Roma che, in corsa per lo scudetto con la Juventus, rischia di perdere il suo miglior attaccante, reduce da una tripletta a Cagliari, per 4 giornate. La prova tv viene normalmente utilizzata nei casi in cui l’arbitro non si accorge del fatto incriminato, perché ad esempio commesso a palla lontana. Al contrario, se l’arbitro si accorge dell’infrazione, ma la valuta in maniera diversa, o errata, non viene applicata alcuna prova tv. Questa, in sintesi, la tesi sostenuta dai dirigenti giallorossi.
Mi dispiace dover dire che siamo abbastanza sconcertati e anche piuttosto preoccupati della deriva che sta prendendo la giustizia sportiva in queste ultime settimane – ha tuonato il dg della Roma Baldissoni a Roma Channel – Qui l’episodio è stato sanzionato: non si può tornare su di una decisione arbitrale se vista male, altrimenti si entra in un territorio che appartiene più alla moviola che alla prova tv. E la moviola in campo non è ammessa“.

La squalifica ha scatenato la stizzita reazione del giornalista sportivo di Sky Fabio Caressa. “Giuridicamente questa sentenza non sta in piedi”.