Attualità, Home — 20 luglio 2018 alle 17:26

IMPERIA: CRISI RT, BILANCIO IN ROSSO PER 1 MILIONE E 400 MILA EURO. “PIANO DI RISANAMENTO ENTRO SETTEMBRE O CONCORDATO”/IL CASO

Un milione e 420 mila euro. Questo il passivo con cui è stato approvato oggi, venerdì
20 luglio, al termine dell’assemblea dei soci, il bilancio consuntivo della Riviera Trasporti

di Redazione

bilancio riviera trasporti imperia

Un milione e 420 mila euro. Questo il passivo con cui è stato approvato oggi, venerdì 20 luglio, al termine dell’assemblea dei soci, il bilancio consuntivo della Riviera Trasporti, società incaricata della gestione del servizio di trasporto pubblico. L’assemblea (la Provincia detiene l’84,4% delle quote azionarie, il Comune di Sanremo il 15,5%, le restanti quote sono in capo ad alcuni piccoli Comuni) ha deciso di avviare un piano di risanamento dell’azienda, affidato a due consulenti, Andrea Pericu e Paolo Macchi. In caso di esito negativo saranno avviate le procedure per la richiesta di concordato. 

Nel frattempo, la Provincia nel mese di luglio ha provveduto ad un’anticipazione di cassa per permettere alla Rt di pagare stipendi e quattordicesime.

Il presidente Riccardo Giordano – “È dura, ci vuole la collaborazione di tutti”

“Il passivo è dovuto all’esito negativo delle cause perse sul fronte del contrattazione di secondo livello – dichiara a ImperiaPost Riccardo Giordano, presidente della Riviera Trasporti – Certamente c’è un problema serio sulla tenuta dei conti. Abbiamo varato un piano per far fronte alla situazione debitoria. Se non riusciremo a trovare un’intesa per un risanamento si apriranno le vie del concordato preventivo.

La messa in sicurezza passa dalla valorizzazione degli asset immobiliari e dalla dismissione delle partecipazioni azionaria in alcune società controllate. Il piano dovrà essere approvato dall’assemblea entro il mese di settembre. Solo in questo modo i creditori saranno disposti a concedere ulteriore fiducia alla Rt. 

L’obiettivo è cedere i due depositi della Rt a Ventimiglia e Sanremo. A riguardo, però, mentre a Ventimiglia non sembrano esserci problemi, a Sanremo la situazione è decisamente più complessa. Mentre noi proponiamo una modifica della destinazione d’uso a commerciale, il Comune di Sanremo opta per soluzioni diverse, turistico ricettiva, socio sanitaria o residenziale.

La Provincia ha già provveduto a un’anticipazione di cassa e non c’è più tempo da perdere. O si trova un’intesa o avvieremo le procedute concordatarie che, però, non saranno molto semplici visto perché il principale debitore della Rt è proprio la Provincia, sua principale azionista”.