FALLIMENTO TRONY: SALVI GLI EX LAVORATORI, TROVATO L’ACCORDO PER IL PASSAGGIO ALL’UNIEURO. LA FILCAMS-CGIL:”FINALMENTE SI VEDE UN PO’ DI LUCE IN FONDO AL TUNNEL”

Home Imperia

Così in una nota stampa la Segreteria “Filcams-Cgil”, in merito al futuro degli ex lavoratori Trony

cgil filcams trony unieuro

Lo scorso mese di marzo i dipendenti dei Trony della nostra Provincia avevano ricevuto un’amara sorpresa. Con un semplice messaggio veniva comunicato loro il fallimento della propria azienda e l’impossibilità di recarsi al lavoro. Non solo, era vietato l’accesso ai negozi tanto che persino glio effetti personali delle Lavoratrici e dei Lavoratori non poterono essere recuperati  Così in una nota stampa la Segreteria “Filcams-Cgil“, in merito al futuro degli ex lavoratori Trony.

“Il periodo di incertezza che è seguito è stato lungo e faticoso. Da subito ci siamo attivati per dare assistenza ai Lavoratori. Il 21 marzo abbiamo tenuto la prima assemblea con tutte le persone coinvolte, presso la Camera del Lavoro di Imperia.
Adesso finalmente si vede un po’ di luce in fondo al tunnel.

Infatti “il 2 agosto 2018 si è tenuto a Milano l’incontro per la cessione di ramo d’azienda che ha coinvolto 8 punti vendita e 116 dipendenti del gruppo DPS-Trony. Questo risultato è stato ottenuto a seguito della procedura di vendita dei negozi attuata dalla Curatela Fallimentare con Unieuro.

Dopo il fallimento di DPS Group, i dipendenti coinvolti sono rimasti a casa in regime di sospensione dell’attività lavorativa (quindi senza lavoro e senza reddito – non avendo diritto agli ammortizzatori sociali).

Il passaggio di ramo d’azienda è stato fatto senza derogare l’art. 2112 del codice civile, perciò i lavoratori manterranno tutte le condizioni acquisite finora, fatta eccezione per il TFR accumulato fino al 23 agosto con DPS ed eventuali spettanze pregresse in quanto il bando d’asta di cessione dei punti vendita da parte del Tribunale di Milano escludeva queste voci. I lavoratori dovranno insinuarsi pertanto al passivo per recuperare le spettanze dovute.”

Anche i 16 lavoratori dei punti vendita di Imperia e Camporosso passeranno alle dipendenze di Unieuro a far data dal 23 agosto 2018 prossimo e saranno inizialmente coinvolti in una fase di formazione e affiancamento. Purtroppo, a seguito della mancanza di reddito dal 16 marzo, giorno in cui è fallita DPS, gli altri 6 dipendenti della nostra provincia hanno rassegnato le dimissioni per accedere alla naspi (indennità disoccupazione).

I contenuti dell’intesa sono stati illustrati a tutti i 16 lavoratori interessati ieri pomeriggio presso la Filcams-Cgil di Imperia e finalmente, dopo 6 mesi di sospensione, ritorneranno al lavoro”.

Segui Imperiapost anche su: