Attualità, Home — 14 agosto 2018 alle 15:47

GENOVA: A10, CROLLA IL PONTE MORANDI. LA POLITICA VICINO ALLA TRAGEDIA. “UNO SCENARIO DRAMMATICO, SI VERIFICHERANNO LE RESPONSABILITÀ”

Tutta Italia è sotto shock per il disastro avvenuto a Genova, con il crollo del ponte Morandi sull’autostrada A10.

di Redazione

Schermata 2018-08-14 alle 15.38.53

Tutta Italia è sotto shock per il disastro avvenuto a Genova, con il crollo del ponte Morandi sull’autostrada A10.

Al momento, come comunica il Viminale, i morti accertati sarebbero 11 e tra loro ci sarebbe un bambino. Secondo la Protezione Civile, però, il numero sta salendo, arrivando a 22. Altre persone sono state estratte vive dalle macerie e sono state trasportate agli ospedali più vicini in codice rosso di massima gravità.

Anche il mondo della politica si è attivato per fornire l’assistenza e la solidarietà necessaria in questo momento difficile per Genova e tutta la Liguria.

Matteo Salvini

“Stiamo seguendo dalla Sala Operativa di Roma minuto per minuto la situazione del crollo del ponte di Genova, ringrazio fin da ora i 200 Vigili del Fuoco (e tutti gli altri eroi) già al lavoro per salvare vite”.

Danilo Toninelli

“Sto seguendo con la massima apprensione ciò che è accaduto a Genova e che si profila come immane tragedia. Siamo in stretto contatto con Autostrade e stiamo andando sul luogo con il viceministro Rixi. La mia totale vicinanza in queste ore alla città”.

Edoardo Rixi

“Con i soccorritori sul luogo del crollo del Ponte Morandi. Uno scenario drammatico. Il mio ringraziamento va alle forze dell’ordine, ai Vigili del fuoco, Polizia municipale, Protezione civile e a tutte le persone impegnate a prestare aiuto alla città e alle persone coinvolte”.

Luigi Di Maio

“Tutto il governo, in particolare il ministro dei trasporti Danilo Toninelli, sta seguendo con attenzione quanto sta succedendo a Genova.

È una tragedia immane. I soccorritori sono incessantemente al lavoro e li ringrazio per il loro impegno. Mi sto recando sul posto perché lo Stato, in questo momento, deve far sentire la sua vicinanza ed essere accanto prima di tutto alle famiglie delle vittime”.