Attualità, Home, PROCESSO "LA SVOLTA" — 16 aprile 2014 alle 12:50

LA SVOLTA. IL PENTITO CRETAROLA TESTIMONIERA’. LA DECISIONE DEL PRESIDENTE LUPPI

Dopo la decisione del presidente Luppi, Jason Allavena si siede sul banco dei testimoni per una dichiarazione spontanea in merito alla presunta “soffiata” sul cantiere di Monte Pozzo

di Selena Marvaldi

PROCESSO LA SVOLTA  (211)

Imperia – Dopo una riunione del collegio, il presidente Luppi ha deciso che il testimone Gianni Cretarola, pentito affiliato alla ‘ndrangheta, è un teste importante da sentire e quindi il 7 e l’8 maggio verrà presso il Tribunale di Imperia per raccontare la sua storia.

A nulla quindi sono valse le rimostranze portate dall’accusa che sostenevano che i gravi problemi psicotici e i disturbi della personalità del Cretarola, rendessero il testimotone non valido.

Dopo questa decisione Jason Allavena ha deciso di esprimere alcune dichiarazioni spontanee: “Lavoro nel Comune di Ventimiglia analizzando e facendo delle valutazioni edili e pratiche che sottoponevo prima al dotto Lunghi e successivamente al dottor Cigna. Vorrei paralre del cantiere di Monte Pozzo, non ho avvertito nessuno dei controlli che saremmo andati a fare.Ne ho parlato con mio padre di questa situazione, per sfogarmi. Quando gli nominai l’agente Viale lui stesso mi disse che di vista lo conosceva, ma non sapeva chi fosse”.