Cronaca, Home — 17 aprile 2014 alle 09:55

CIMITERI DA INCUBO. BLITZ DEI CARABINIERI NEGLI UFFICI DELLA POLIZIA MORTUARIA DEL COMUNE DI IMPERIA

Il blitz fa seguito alla denuncia presentata nei giorni scorsi da una donna che ha scoperto che i resti della propria nonna, riesumata senza alcuna comunicazione, erano stati trasferiti in un sacchetto della spazzatura collocato in un magazzino degli attrezzi

di Redazione

2525599090

Blitz dei Carabinieri di Imperia ieri mattina, mercoledì 16 aprile, negli uffici della Polizia Mortuaria del Comune di Imperia. I militari hanno acquisito svariata documentazione. Il blitz fa seguito alla denuncia presentata nei giorni scorsi da una donna, N.O., che recatasi al cimitero per far visita alla nonna, G.G., defunta circa 15 anni prima, ha scoperto che le spoglie della propria cara, riesumata senza alcuna comunicazione, erano state trasferite all’interno di un sacchetto di plastica tipo spazzatura collocato in un magazzino degli attrezzi ubicato presso il cimitero di Porto Maurizio in zona Artallo, in attesa di una nuova sepoltura.
La Procura della Repubblica di Imperia ha aperto un’inchiesta. Vuole vederci chiaro in merito al modus operandi utilizzato presso i cimiteri di Oneglia e Porto Maurizio soprattutto per quanto concerne le riesumazioni. Gli inquirenti avrebbero già individuato le prime responsabilità e negli ambienti investigativi si parla di un errore umano alla base della riesumazione non comunicata e per quanto riguarda i sacchetti di plastica le responsabilità potrebbero ricadere sulla componente dirigenziale.