Attualità, Cronaca, Home, Imperia — 11 ottobre 2013 alle 05:39

DOSSIER DI LEGAMBIENTE SULLA RACCOLTA DIFFERENZIATA – Il Comune di Imperia maglia nera tra i capoluoghi di provincia Liguria

Maglia nera per il Comune di Imperia in tema di raccolta differenziata. La classifica stilata da Legambiente non lascia dubbi, Imperia è fanalino di coda tra i comuni capoluogo con una percentuale pari al 21,21 % dietro a Savona (23,31%), Genova (23,27%) e La Spezia (37,29%). Dando un rapido sguardo a tutti i comuni liguri, Imperia occupa un poco onorevole […]

di Redazione

jgbn

Maglia nera per il Comune di Imperia in tema di raccolta differenziata. La classifica stilata da Legambiente non lascia dubbi, Imperia è fanalino di coda tra i comuni capoluogo con una percentuale pari al 21,21 % dietro a Savona (23,31%), Genova (23,27%) e La Spezia (37,29%).

Dando un rapido sguardo a tutti i comuni liguri, Imperia occupa un poco onorevole 148° posto su un totale di 235 comuni. In ambito provinciale la fanno da padrone i comuni dell’estremo ponente ligure con Santo Stefano al Mare, 11°con il 56,01%, davanti a Camporosso (13° posto con il 51,28%). Per trovare il primo comune del comprensorio imperiese bisogna scorrere la classifica sino al 55° posto occupato da San Lorenzo al Mare.

In fondo alla classica, tra i comuni imperiesi troviamo Diano Arentino, addirittura al 235° posto con il 5,33% di differenziata, davanti solo a Fontanigorda (Genova) con il 0,02%. Classifica da dimenticare anche per Pontedassio che si è posizionato al 231° con l’8,03%. Infine i grandi Comuni della provincia di Imperia: Sanremo al 69° con il 30,34%, Ventimiglia al 175° con il 18,77% e Diano Marina al 155° posto con il 20,32% di differenziata.

Nota di merito per il piccolo comune di Aquila D’Arroscia che, con soli 174 abitanti, si attesta al 64° posto con il 30,97% di raccolta differenziata.