Attualità, Cronaca, Home — 11 ottobre 2013 alle 14:59

VIABILITÀ DI VIA SANTA LUCIA: Paolo Gagliardo (Sel): “Con la modifica la situazione del traffico si è aggravata”

A seguito della risposta del Comandante della Polizia Municipale Aldo Bergaminelli al comitato di via Santa Lucia, ci ha scritto Paolo Gagliardo del coordinamento cittadino di Sinistra Ecologia e Libertà. “Diciamo pure – scrive l’esponente di Sel – che non entusiasma il fatto che a qualche mese dall’insediamento di quella che si definisce una nuova e innovativa amministrazione si debba […]

di Redazione

VIA SANTA LUCIA

A seguito della risposta del Comandante della Polizia Municipale Aldo Bergaminelli al comitato di via Santa Lucia, ci ha scritto Paolo Gagliardo del coordinamento cittadino di Sinistra Ecologia e Libertà.

“Diciamo pure – scrive l’esponente di Sel – che non entusiasma il fatto che a qualche mese dall’insediamento di quella che si definisce una nuova e innovativa amministrazione si debba parlare quasi esclusivamente di sensi unici e segnaletica stradale, ma la questione di Via Santa Lucia merita comunque una riflessione particolare.

Innanzitutto c’è da dire che un’amministrazione deve dare segnali di attenzione alla viabilità cittadina e intervenire in base alla propria visione, ma allo stesso tempo quando queste decisioni vengono contestate dalla quasi unanimità dei cittadini residenti e dei frequentatori abituali della zona allora sarebbe dovuta una messa in discussione del provvedimento preso, almeno come segnala di ascolto e democrazia.

Trovo tecnicamente giusto l’intervento del comandante Bergaminelli sulla questione, anche se non credo che si siano verificati casi di circolazione contro mano all’altezza della chiesa più di quanto non capiti in altre strade a senso unico; posso affermare questo perché vivo in Via Don Minzoni e quindi transito in Via Santa Lucia quotidianamente.

Giustamente i veicoli non possono restare parcheggiati sui marciapiedi ma credo che gli abitanti della via rinuncerebbero a qualche posto auto in cambio del ripristino del doppio senso di marcia, magari spalmando i parcheggi per i motocicli lungo il tratto antistante l’istituto scolastico e destinando quelli attuali alle auto, e pensando ad un’ottimizzazione dell’utilizzo dell’area antistante la galleria.

Se poi aggiungiamo – conclude Gagliardo – che al mattino molti genitori, non potendo entrare più nella via dal basso, effettuano la fermata per lasciare i figli studenti all’incrocio con Via Agnesi capiamo che forse con questa modifica si è quasi aggravato il problema della viabilità mattutina nel quartiere; quindi, un ripensamento sul provvedimento credo che darebbe un importante segnale di autocritica e attenzione verso la cittadinanza da parte dell’amministrazione”.