Home, Imperia — 18 ottobre 2013 alle 10:22

90 ANNI DI IMPERIA: Lunedì 21 ottobre le celebrazioni ufficiali per la città; ecco il programma completo della giornata

Un programma ricchissimo caratterizzerà la giornata di lunedì 21 ottobre p.v., momento centrale nell’ambito delle celebrazioni per i 90 anni della Città di Imperia. Si inizierà alle ore 10.00 con la Celebrazione della Santa Messa officiata da Sua Eccellenza Reverendissima Monsignor Mario Oliveri e concelebrata dai Parroci della città. Alla ore 16 apertura della seduta Ordinaria e Solenne di Consiglio […]

di Redazione

federica porroUn programma ricchissimo caratterizzerà la giornata di lunedì 21 ottobre p.v., momento centrale nell’ambito delle celebrazioni per i 90 anni della Città di Imperia.

Si inizierà alle ore 10.00 con la Celebrazione della Santa Messa officiata da Sua Eccellenza Reverendissima Monsignor Mario Oliveri e concelebrata dai Parroci della città.

Alla ore 16 apertura della seduta Ordinaria e Solenne di Consiglio Comunale con intervento della Camerata Musicale Ligure che eseguirà l’Inno degli Italiani (Mameli-Novaro) seguito dagli interventi del Presidente del Consiglio Comunale Paolo Strescino e del Sindaco Carlo Capacci.

Successivamente le prolusioni del Cavaliere del lavoro Carlo Carli e Miro Genovese, prima di un altro momento musicale con la Camerata Musicale Ligure che eseguirà l’ouverture del Barbiere di Siviglia di Gioacchino Rossini. La seduta proseguirà con il dibattito che prevede gli interventi dei gruppi Consiliari e con il conferimento delle cittadinanze onorarie al poeta e scrittore Giuseppe Conte e al giornalista Cristiano Chiavegato. Il Consiglio Comunale sarà chiuso dalla Camerata Musicale Ligure che eseguirà “Libiamo nei lieti calici” dalla Traviata di Giuseppe Verdi.

A concludere la giornata ufficiale delle celebrazioni per i 90 anni di Imperia un importante evento musicale (a ingresso libero) e a cui la cittadinanza è invitata. Alle ore 21 il palcoscenico del Teatro Cavour ospiterà il concerto dalle tinte risorgimentali intitolato “Mazzini, la chitarra e l’opera” che vedrà protagonista nuovamente la Camerata Musicale Ligure e soprattutto la chitarra appartenuta a uno dei padri della Patria, Giuseppe Mazzini, concessa eccezionalmente dalla Soprintendenza e dal Museo del Risorgimento di Genova. A suonare lo storico strumento sarà il suo valorizzatore il Maestro José Scanu, nonché fondatore della Camerata Musicale Ligure. La Camerata composta da Giovanni Sardo al violino, Marco Moro flauto, Simone Mazzone chitarra e, appunto, José Scanu, eseguirà tre Ouverture di Rossini, brani verdiani e di Paganini e una prima assoluta, un brano scritto dallo stesso Giuseppe Mazzini: “Canto delle mandriane bernesi”.

Per il capoluogo dell’estremo ponente ligure una assoluta novità ricca di rarità, dato che difficilmente la chitarra di Mazzini lascia il museo risorgimentale di Genova, se non per eventi eccezionali quali quello di Imperia per il 90° della città. La Camerata Musicale Ligure è stata fondata da José Scanu a Imperia nel 1989. Il concerto del Cavour sarà uno dei primi appuntamenti verso i festeggiamenti de 25 anni di attività concertistica mai interrotta e ricca di soddisfazioni e riconoscimenti per il sodalizio imperiese. «La giornata di lunedì 21 ottobre rappresenta un passaggio storico importante per Imperia – dichiara il Sindaco Carlo Capacci – Sono orgoglioso di essere a capo di questa Amministrazione che ha appena iniziato il proprio mandato pienamente consapevole che il compito che ci attende, a fronte dei 90 anni compiuti, è quello di un giovane che si sta inserendo nella Società attiva: saranno importanti le risposte che daremo alla Città che deve comprendere cosa farà da grande».

«Rivolgo un invito alla Città per un viva partecipazione a questa giornata così importante – aggiunge il Presidente del Consiglio Comunale Paolo StrescinoSi tratta di un’occasione per ripercorrere con la memoria i tanti momenti che dal 1923 a oggi hanno scritto il percorso di Imperia dove restano vive le tradizioni e la cultura dei nuclei che oggi sono diventati un’unica realtà».

«Abbiamo ritenuto – conclude l’Assessore alla Cultura Sara Serafinidi allestire un calendario eventi, vario e significativo per fotografare nel migliore dei modi questa importante ricorrenza. Ritengo doveroso rivolgere un sentito ringraziamento a tutti coloro, dagli Enti alle Associazioni, agli Istituti Scolastici, che hanno contribuito con impegno e disponibilità alla realizzazione di un cartellone omaggio prestigioso alla nostra Città».