Cultura e manifestazioni, Home — 26 ottobre 2013 alle 16:26

ACQUA, PIETRE E LUCE: ieri l’inaugurazione della mostra degli artisti imperiesi Sandra Dolente e Cesare Saracino

Inaugurata venerdì 25 ottobre 2013 al Teatro dell’Attrito – Via Bartolomeo Bossi, 43 (Borgo Foce) – la mostra “acqua, pietre e luce”; immagini e acquarelli di Sandra Dolente – Sculture di Cesare Saracino che rimarrà aperta dal 26 ottobre al 1 novembre 2013, dalle 17,30 alle 19,30 Grafica pubblicitaria, prestata alla fotografia e alla pittura la prima, espone affascinanti immagini […]

di Selena Marvaldi

mostra borgo foce

Inaugurata venerdì 25 ottobre 2013 al Teatro dell’Attrito – Via Bartolomeo Bossi, 43 (Borgo Foce) – la mostra “acqua, pietre e luce”; immagini e acquarelli di Sandra Dolente – Sculture di Cesare Saracino che rimarrà aperta dal 26 ottobre al 1 novembre 2013, dalle 17,30 alle 19,30

Grafica pubblicitaria, prestata alla fotografia e alla pittura la prima, espone affascinanti immagini in tecnica mista, incorniciate in originalissimi e colorati supporti da lei creati riutilizzando originali materiali di recupero e inserendo altri elementi in ugual modo riciclati e adeguatamente e sapientemente modificati. Solare ed energica, Sandra trasmette anche nelle sue opere tutta la positività del suo carattere in colorate, ma al medesimo tempo delicate composizioni.

Artigiano, giardiniere e tuttofare per vivere il secondo, ma con altrettanta passione per l’arte e, più che per il recupero, per l’attenzione agli elementi naturali che, nelle sue mani sapienti, vengono modellati e plasmati in sculture di grande impatto visivo ed emotivo. Da marmi, pietre, pezzi di legno, gessi e altri materiali reperiti nei boschi, in campagna o sulle spiagge, Cesare ha l’impareggiabile capacità di estrapolarne la vera anima, dando forma a figure umane, animali o vegetali di una bellezza e un’intensità fuori dal comune.

Entrambi accomunati da un grande amore per la natura e l’intero universo, lavorano con poche attrezzature e mezzi tecnici, ma hanno comunque la capacità di trasfondere nella materia l’arte che scaturisce dalla loro anima.

Un percorso breve e intenso che gli appassionati potranno ammirare a ingresso libero fino al 1 novembre, dalle 17,30 alle 17,30.