Attualità, Home — 28 ottobre 2013 alle 16:49

TAGLI AI TRENI PER IL PIEMONTE – Convocata la commissione consiliare per lunedì 4 novembre

Su richiesta del Consigliere Nino Oliveri (PD), insieme ad Aldo Siri (Lista Biasotti), il Presidente Sergio Scibilia (anch’egli PD e da sempre sensibile alle tematiche dei pendolari) ha convocato per lunedì prossimo, 4 novembre, la Commissione Consiliare Attività Produttive per affrontare il problema dei tagli decisi dalla Regione Piemonte ai collegamenti ferroviari con la Liguria. “La richiesta di convocare la […]

di Selena Marvaldi

trenitalia

Su richiesta del Consigliere Nino Oliveri (PD), insieme ad Aldo Siri (Lista Biasotti), il Presidente Sergio Scibilia (anch’egli PD e da sempre sensibile alle tematiche dei pendolari) ha convocato per lunedì prossimo, 4 novembre, la Commissione Consiliare Attività Produttive per affrontare il problema dei tagli decisi dalla Regione Piemonte ai collegamenti ferroviari con la Liguria.

“La richiesta di convocare la IV Commissione – ha dichiarato Nino Oliveri – era un impegno che il Consigliere Siri ed io ci eravamo assunti pubblicamente con i pendolari della linea Genova-Ovada-Acqui Terme per esaminare i tagli che con il nuovo orario dovrebbero diventare operativi su quella tratta e che sono insostenibili per una tratta che è già servita da pochi convogli e che non può essere ulteriormente sacrificata”.

La commissione esaminerà il problema nel suo complesso – aggiunge Sergio Scibilia – partendo dalla considerazione che i tagli annunciati dalla Regione Piemonte colpiscono pesantemente anche gli attuali collegamenti tra le province di Torino e Cuneo con il ponente ligure. Sulle tratte Ventimiglia-Torino e Ventimiglia-Cuneo, i tagli riguardano la quasi totalità degli attuali collegamenti, provocando di fatto l’isolamento del Piemonte rispetto alla Riviera di Ponente, alla zona transfrontaliera e alla Costa Azzurra”.

La decisone della Regione Piemonte – conclude Scibilia – appare perciò autolesionistica, dato che sono centinaia i piemontesi che ogni giorno si spostano verso la nostra costa. Sul fronte ligure, questi tagli avranno gravissime conseguenze per il turismo e per il mondo dei pendolari, in particolare per gli studenti”.