Home, Politica — 5 novembre 2013 alle 15:22

ANTONELLO RANISE (PDL) SULLA CRISI PROVINCIALE: “Addossare le colpe a Sappa è semplicemente paradossale ed ingiusto”

Antonello Ranise coordinatore comunale Forza Italia – PDL è intervenuto in merito alla recente crisi provinciale e alle strumentalizzazioni che ne sono conseguite: “I volgari attacchi di cui è stato oggetto, da parte di alcuni, particolarmente vogliosi di visibilità, l’Amministrazione Provinciale ed in particolare il presidente Sappa, mostrano davvero pochezza di argomentazioni e una buona dose di strumentalizzazione e di […]

di Selena Marvaldi

antonello ranise

Antonello Ranise coordinatore comunale Forza Italia – PDL è intervenuto in merito alla recente crisi provinciale e alle strumentalizzazioni che ne sono conseguite:

I volgari attacchi di cui è stato oggetto, da parte di alcuni, particolarmente vogliosi di visibilità, l’Amministrazione Provinciale ed in particolare il presidente Sappa, mostrano davvero pochezza di argomentazioni e una buona dose di strumentalizzazione e di demagogia.

Che lo spettacolo offerto in questi ultimi mesi dalla provincia non fosse dei più edificanti, fui io stesso a dirlo ed il presidente Sappa a ribadirlo con rammarico. Ma addossare a Sappa le colpe di quanto accaduto, l’impasse e i veti incrociati che hanno caratterizzato questa fase politica è semplicemente paradossale ed ingiusto.

So con certezza che Sappa è rimasto al timone della provincia per senso di responsabilità, e alla fine la sua immagine è quella che ne è uscita meglio, riuscendo a tenere la “barra dritta” e coniugando le sue ben note doti di mediazione a quelle di fermezza privilegiando anzi tutto gli obbiettivi che restano da raggiungere a discapito delle logiche di parte. È da sottolineare inoltre che l’ingresso in Giunta di personalità di alto profilo professionale, non certo legate all’establishment dei partiti, non può che essere sottolineato con soddisfazione.

Il ruolo dell’ente provincia può ancora essere essenziale nel prossimo futuro: basti pensare al futuro dell’Università e della SPUI, argomento estremamente sentito dai giovani e dalle famiglie, specie da quelle meno abbienti.

Se poi il vero scopo di alcuni era quello di spostare l’attenzione dall’imbarazzante figura rimediata dall’amministrazione Capacci nell’ultimo consiglio comunale (ma non solo) ,in cui, salvo poche eccezioni è emersa chiaramente la mancanza di idee e di capacità politico-amministrativa, non credo che l’operazione sia riuscita.

Confido che i consiglieri di maggioranza, persone sicuramente di buon senso, sappiano in futuro essere più propostivi, e non sempre proni alle decisioni della Giunta comunale che in questi mesi è apparsa chiusa e quanto mai arroccata su posizioni preconcette e pregiudiziali.