Consigli comunali, Home, Politica — 7 novembre 2013 alle 20:15

CONSIGLIO COMUNALE, COMMISSIONE SPECIALE ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE – La discussione finisce in “caciara”. Fossati: “Sa tanto di demagogia!”. Balestra: “Mi vergogno di questa minoranza!”

L’importanza di dotare la città di una commissione speciale per l’abbattimento delle barriere architettoniche è stata approvata e ascoltata con grande partecipazione da parte di tutta l’amministrazione comunale. Purtroppo però la discussione si è trasformata rapidamente in caciara con un botta e risposta pungente fra maggioranza e minoranza sul merito dell’iniziativa. La discussione è iniziata con la spiegazione del perchè […]

di Selena Marvaldi

Consiglio comunale L’importanza di dotare la città di una commissione speciale per l’abbattimento delle barriere architettoniche è stata approvata e ascoltata con grande partecipazione da parte di tutta l’amministrazione comunale. Purtroppo però la discussione si è trasformata rapidamente in caciara con un botta e risposta pungente fra maggioranza e minoranza sul merito dell’iniziativa.

La discussione è iniziata con la spiegazione del perchè si vuole creare questa commissione: “E’ il primo passo di un lungo percorso per dotare la città di Imperia di questa commissione – ha spiegato il consigliere Marino I Comuni dovevano attivarsi già da tempo per eliminare ogni forma di ostacolo alla libertà di movimento. Queste normative purtroppo pur risalendo quasi a 30 anni fa non sono state applicate. Oltre a tentare di coinvolgere tutti gli enti e le associazioni disponibili, istituiremo un sito dedicato dove i cittadini potranno segnalare delle criticità“.

http://youtu.be/zjYVtC4A4cM

Dopo alcuni interventi prettamente tecnici, è iniziata la bagarre con l’intervento dei consiglieri Giuseppe Fossati, Imperia Riparte e Luca Falciola, Pdl, sostenendo: “Mi sfugge il senso di una commissione speciale, di solito lo fa la minoranza – ha specificato Fossati – Non vorremmo che fosse solo un modo per fare demagogia politica, noi vogliamo un concreto miglioramento” ha concluso invece Falciola.

http://youtu.be/MvZmQ9crY7w

Altra “frecciatina” di ordine politico arriva invece dal capogruppo del PDL Poillucci: “L’unico commento di ordine politico che voglio fare è che siamo tutti d’accordo con la pratica e che ci deve essere una tempistica, ma non possiamo dimenticare che il Pd in questi 20 anni non ha mai fatto nulla, il PDL  invece ha, ad esempio, proposto una question time nello scorso consiglio“.

Duro l’intervento poi del consigliere Balestra:  ”Io mi vergogno di quello che avete detto, era solo da approvare e basta“.

Immediata la risposta di Fossati (“Porti rispetto per la minoranza e chieda scusa per le sue parole”) e la replica di Falciola del PDL che ha risposto: “Ha perso una buona occasione lei per rimanere in silenzio” e, da qui è scattato il botta e risposta per gli ormai famosi “motivi personali”. Più tecniche, ma comunque stizzite sono state poi le risposte dei consiglieri Parodi e Saluzzo.

Successivamente i consiglieri hanno dato vita a un poco onorevole scaricabarile tipico della politica italiana, rinfacciandosi a vicenda su chi ha fatto cosa e chi invece non si è mosso per nulla: “Questa non è polemica, è cabaret: noi abbiamo proposto una cosa e dobbiamo trovare il pelo nell’uovo dicendo che è una sfortuna che la maggioranza proponga una commissione speciale? Abbiamo l’interesse che funzioni” ha dichiarato il capogruppo del PD Montanari.

Ironico l’intervento di Servalli: “Rimango stupito dalla polemica, ma forse è perchè è la prima volta che la maggioranza porta qualche proposta, fino ad ora è stato il contrario“.

La discussione si è conclusa con l’approvazione all’unanimità della pratica e del secondo emendamento. E’ stato invece respinto il primo emendamento proposto dal consigliere Russo.

 
 
 
FR_vetrine_3