IMPERIA. CASO AST, IL PD REPLICA ALLE CRITICHE DEL M5S: “STUPORE E SDEGNO. IL PRESIDENTE BORZONE PERSONA ONESTA E CAPACE”

Home Politica

image

Arriva a distanza di poche ore la replica del Partito Democratico al Movimento Cinque Stelle che, con una nota stampa, aveva criticato duramente Franco Borzone, tanto da chiedere all’amministrazione “di porre immediatamente rimedio al disastro imminente nominando nel più breve tempo possibile un nuovo e più competente Presidente e Direttore Generale dell’AST“.

La Segreteria cittadina ed il gruppo consiliare del Partito Democratico – si nella nota di replica del Pd – hanno letto con stupore e profondo sdegno le dichiarazioni del Movimento 5 Stelle, relative al Presidente di AST Franco Borzone. Riteniamo che l’attacco personale e violento scagliato contro il Presidente Borzone rappresenti una modalità d’azione al di fuori delle regole politiche da un lato e, dall’altro lato, al di fuori delle logiche della buona educazione e della convivenza civile. Non stupisce, d’altra parte, che un movimento sedicente politico, che ha costruito la sua popolarità tramite le grida d’insulto lanciate sulla pubblica piazza, non segua le normali modalità di critica assolutamente possibili anche all’interno di un’azienda. Nel comunicato dei pentastellati si segnala che l’avvocato Tahiri non è più disponibile ad avallare questo stato di cose, con la sua presenza nel cda. Vogliamo segnalare che l’avvocato Thairi non ha mai opposto alcuna critica all’interno del cda stesso.

Sfugge alla nostra capacità di comprensione il motivo per cui questo signore abbia ritenuto di demandare ad un consigliere comunale le critiche che avrebbe potuto esplicitare nelle sedi più opportune. Sfugge inoltre alla nostra capacità di comprensione il motivo per cui tale consigliere comunale non abbia utilizzato le modalità previste per portare il dibattito in consiglio comunale, piuttosto che attraverso ultimatum a mezzo stampa.

Riteniamo che Franco Borzone sia una persona capace, onesta e che non meriti in alcun modo volgarità di questa natura. Auspichiamo inoltre che il Sindaco e l’Assessore alle società partecipate facciano sentire la loro voce a difesa del Presidente Borzone“.