IMPERIA. PARASIO. SUCCESSO DELLA SERATA DEL COMITATO SOTTOTINA. “L’AMMINISTRAZIONE AVEVA PROMESSO IL RECUPERO MA QUI NON È STATO FATTO ANCORA NULLA”

Cultura e manifestazioni Home

 

11181442_10153252559497605_512648611_o

 

IMPERIA .Circa 50 persone hanno preso parte sabato 18 aprile all’evento organizzato dal comitato “Salviamo l’archivolto della Tina”, presieduto da Bianca Carmeci.

Il gruppo e le sue attività sono partite qualche anno fa per iniziative di Gabriele Oreggia e Salvatore Grenci mirate a dar luce al degrado del quartiere Parasio ed in particolari modo all’Archivolto della Tina.  

L’Archivolto della Tina, che costituisce un vero e proprio elemento urbanistico di raccordo tra la cinta muraria settecentesca e quella seicentesca, è stato inserito dall’Amministrazione Capacci nel piano triennale dei lavori ma ad oggi – dichiarano i membri del Comitato- nulla si è mosso.

Proprio per non far spegnere i riflettori sulle condizioni di questo importante manufatto storico il Comitato “Salviamo l’Archivolto della Tina ” ha organizzato una serata culturale e in amicizia aperta alla cittadinanza.

Nel corso della sono stati proiettati cortometraggi del regista Paolo Saglietto gentilmente concessi da Andrea Falciola che hanno ripercorso momenti di vissuta degli anni ’50 a Porto Maurizio ma anche opere contemporanee del regista Lorenzo Gala. Sulle pareti di Porta Martina sono stati poi esposte fotografie di Lea D’Orio, sia a colori, che in bianco e nero, del Parasio e delle sue meraviglie architettoniche.

Intervistato da Imperiapost Salvatore Grenci, portavoce de Comitato Sottotina: “Questa è l’ennesima iniziativa a favore del restauro di questo magnifico manufatto, una serata un po’ diversa dalle altre. Sono stati proiettati due preziosissimi filmati  del regista Paolo Saglietto degli anni 50, che rappresentano il Parasio e Porto Maurizio in quegli anni. Abbiamo così potuto assaporare i volti, le espressioni e l’ambiente di quegli anni oramai lontani. In contrapposizione ed integrazione abbiamo voluto proiettare un filmato del registi Lorenzo Gala, contemporaneo. Abbiamo voluto dare un tocco culturale all’iniziativa ma lo scopo è sempre lo stesso: il restauro dell’Archivolto di SottoTina.

Ricordo che due anni fa c’era  stata la promessa proprio  qui ufficiale dell’amministrazione di portare a termine questo restauro agognato, nel senso che il progetto di restauro è stato inserito nel piano triennale di questa amministrazione con un impegno formale . Ad oggi nulla è stato ancora fatto.  Noi ci rendiamo conto degli impegni  e le difficoltà di questa amministrazioni, come di tutte, ci sono però ci aspettiamo un filo d’erba, un raggio di sole, un qualcosa  che aldilà alle asserzioni ufficiali sia qualcosa di concreto come ad esempio sentire la proprietà privata che abita sotto il loggiato  interessato .

Credo e spero che nei giorni e nei mesi prossimi  questo impegno solennemente dichiarato circa un anno e mezzo fa cominci  finalmente ad andare nel concreto”

Foto di Lea D’Orio e Isabella Ippolito