Cronaca, Home — 28 maggio 2015 alle 08:39

IN CARCERE PER MOLESTIE SESSUALI SU UNA CHIERICHETTA, SACERDOTE AFFIDATO AI SERVIZI SOCIALI DI IMPERIA/LA STORIA

Il sacerdote è uscito dal carcere su richiesta dei propri legali che
ne avevano appunto richiesto l’affidamento in prova ai servizi sociali

di Redazione

11275717_571588796313806_1012289873_n

Condannato dal tribunale di Savona a 7 anni e 8 mesi di carcere nel 2o11 con l’accusa di molestie sessuali nei confronti di una chierichetta di 12 anni, Don Luciano Massaferro presta ora servizio presso la Casa della Carità di Imperia. Il sacerdote è uscito dal carcere su richiesta dei propri legali che ne avevano appunto richiesto l’affidamento in prova ai servizi sociali.

Don Lu, così come era chiamato dai propri parrocchiani, venne arrestato il 29 dicembre del 2009 e rinchiuso nel carcere di Valle Armea a Sanremo, prima di ottenere il trasferimento nel convento di suore di clausura a Diano Castello e successivamente gli arresti domiciliari. Almeno tre gli episodi di molestie sessuali che gli vennero attribuiti verso la ragazzina.

La vicenda di Don Luciano Massaferro divenne un vero e proprio caso nazionale anche per via della mobilitazione dei parrocchiani di Don Lu che più volte scesero in piazza e che hanno assistito a tutte le fasi processuali per testimoniare la propria vicinanza al sacerdote, ritenuto innocente e vittima di accuse infondate. 

Quasi terminato di scontare la condanna (Don Lu dovrebbe uscire dal carcere il prossimo anno anche grazie a uno sconto della pena), Don Massaffero potrebbe ora dover affrontare il processo canonico