IMPERIA. SABATO 6 E DOMENICA 7 GIUGNO TORNA L’INFIORATA DI VIA CARDUCCI DEDICATA AL CENTENARIO DEL PRIMO GRANDE CONFLITTO BELLICO E ALLA PACE DEI POPOLI /I DETTAGLI

Cultura e manifestazioni Home

Anche quest’anno non saranno presenti i classici “quadri”, che hanno sempre caratterizzato l’infiorata, ma due disegni uno per ogni tratto di via chiuso come un quadro nella sua cornice.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

manifesto infiorata via carducci-p1

Imperia. Un appuntamento che fa parte ormai della tradizione imperiese. Sabato 6 e domenica 7 giugno torna l’Infiorata di Via Carducci, quest’anno dedicata all’evento religioso del 2015: “il ricordo del centenario del primo grande conflitto mondiale e alla pace dei popoli”.

Anche quest’anno non saranno presenti i classici “quadri”, che hanno sempre caratterizzato l’infiorata, ma due disegni uno per ogni tratto di via chiuso come un quadro nella sua cornice. All’interno di questi due quadri viene sviluppato il tema dell’anno in particolare nella parte bassa della via la prima guerra mondiale e nella parte alta la pace tra i popoli.

Per meglio festeggiare l’evento del Corpus Domini anche per il 2015 si è organizzata una piccola Mostra di corbeilles e una mostra fotografica sulle infiorate con la premiazione della terza gara fotografica indetta l’anno scorso nonché l’indizione del quarto concorso fotografico. Le composizioni floreali e la mostra fotografica sono esposte nei locali gentilmente messi a disposizione dalla Società Operaia di Mutuo Soccorso Dott. Francesco Raineri di Porto Maurizio.

Le composizioni sono realizzate da decoratrici floreali a livello amatoriale e dedicate ai quadri eseguiti lungo la Via. Nella mostra sono invece esposte le fotografie inviate per la partecipazione al concorso fotografico del 2014 dedicato alle infiorate di Via Carducci e in Italia ed è realizzato in collaborazione con il Circolo fotografico di Torria la cui premiazione avverrà domenica 07 giugno alle ore 17 presso la sede della società operaia sempre in via Carducci. Per la partecipazione al concorso bandito per il 2016 è possibile collegarsi all’indirizzo web: circolofotograficotorria.it

La Storia dell’Infiorata – L’infiorata di Via Carducci rinasce in occasione del Corpus Domini del 1988 quando alle ore 9 del mattino della festa del Corpus Domini, 2 ore prima che la processione uscisse dalla chiesa per snodarsi attraverso le vie cittadine, un signore vestito di azzurro si presenta davanti al portone nel quale è stato eretto l’altare. Ha con sé tre sacchetti di plastica li posa per terra ed inizia ad estrarne dei petali di fiori con i quali traccia sul selciato alcune figure: Un calice, un’ostia, un cuore insanguinato, la scritta IHS. E’ bene però ricordare che la stessa Via nella storia ha sempre avuto un posto particolare durante tale festività in quanto la processione faceva una sosta all’allora civico 8 nero nel cui portone era allestito un altare e durante la sosta veniva impartita la benedizione ai partecipanti. Davanti all’altare veniva steso un tappeto di petali di fiori con alcuni disegni e le bambine che avevano fatto la prima comunione precedevano l’ostensorio con cestini pieni di petali e li spargevano a terra per il passaggio del Corpo di Cristo. Nei decenni successivi purtroppo tale usanza è andata scemando e per anni non si è più fatto nulla per animare quella processione che continuava, si, a fermarsi in via Carducci, ora al civico 42, ma senza nemmeno l’ombra di fiori sul percorso.

Dopo quell’occasione il nuovo seme è stato gettato e ha avuto un anno per germogliare. Infatti l’anno successivo all’appropinquarsi della festività del Corpus Domini gli abitanti della via rammentano i disegni fatti l’anno precedente e incominciano ad interessarsi di cosa verrà disegnato quest’anno. Già solamente dopo un anno l’uomo vestito di azzurro, Luigi, non è più solo. La Compagnia di Via Carducci è nata e Porto Maurizio ritrova la sua Infiorata.

Negli anni successivi il tappeto di fiori diventa sempre più grande sino a coprire tutta la carreggiata della strada con migliaia di petali tagliati, sminuzzati e fatti anche seccare coprendo rigorosamente la via e rappresentando quadri che sviluppano ogni anno un tema diverso ora personaggi del mondo ecclesiastico come papa Giovanni ecc, ora momenti noti delle parabole di Gesù Cristo.
La distesa di 10.000.000 di splenditi petali di fiori, sia freschi che secchi, è ormai arrivata ad essere di 120 metri di lunghezza per oltre 4 metri di larghezza con una superficie globale di circa 500,00 metri quadrati.
Ma dietro all’infiorata c’è un lungo e faticoso lavoro che richiede diversi mesi di preparazione. Si inizia con la scelta del tema cui dedicare i quadri. Normalmente, se compatibile con l’iconografia, si adotta il tema cui è dedicato l’anno liturgico come ad esempio l’anno del rosario, l’anno della Famiglia, il Giubileo del 2000 e l’anno della Pace. Coloro che sono abili a disegnare si dedicano alla scelta della storia che verrà rappresentata sotto forma di singoli quadri e preparano i bozzetti dei disegni. Della storia viene fatta partecipe tutta la compagnia affinché il lavoro possa essere condiviso da tutti i soci. Il percorso è costituito da quadri descrittivi intercalati da altri normalmente con disegno geometrico. Nell’embrione l’infiorata è fatta. Ora bisogna realizzarla concretamente. Il reperimento dei fiori e degli altri materiali è l’attività più lunga e laboriosa dell’intero lavoro, ma ha il vantaggio di poter coinvolgere intorno all’esecuzione di un “quadro” un gran numero di persone, perché non richiede particolari doti artistiche, ma solo una buona dose di pazienza.

Si parte perciò andando, nei lunghi pomeriggi primaverili, nelle serre messe a disposizione dai floricoltori per la raccolta dei fiori. Ne vengono raccolti di ogni tipo: rose, gerani, garofani, gerbere, calendule, agapanti e tanti altri, le cui sfumature basterebbero a formare una tavolozza completa di colori con ogni gradazione e tonalità. Accanto ai fiori vengono utilizzate anche le foglie che forniscono diverse tonalità di verde. Iniziano le lunghe sere passate insieme a scegliere i fiori, dividerli per tonalità di colore, spetalarli dalle corolle, triturarne i petali più grossi e si procede poi ad imballarli, ad essiccarli; vi sono fiori infatti che conservano le loro qualità cromatiche e possono essere raccolti per primi mentre quelli non essiccati sono portati nei frigoriferi che sempre i floricoltori ci mettono a disposizione.
Nel frattempo si realizzano quadri su carta nella dimensione originale. Vengono scelti i colori delle singole figure in base ai fiori disponibili.

L’infiorata vera e propria inizia alla vigilia del Corpus Domini, il sabato, con la disposizione dei quadri di carta lungo la via con vicine le relative scatole di petali colorati e l’inizio della sistemazione degli stessi. Tale lavoro continua sino a tarda sera e durante la notte c’è chi sorveglia il lavoro svolto. Prima delle cinque del mattino successivo tutti pronti all’opera per continuare e concludere il lavoro anteriormente al passaggio della processione. Bisogna anche predisporre l’altare dal quale sarà impartita la benedizione.

C’è lavoro per tutti per chi dispone i fiori sui facsimile in carta, per chi porta i cartoni con i petali a chi ne ha bisogno, per chi deve bagnare i petali per evitare che , in presenza di vento, si sollevino scompigliando tutto il disegno. Quando tutto è pronto, l’infiorata è terminata, si sentono le campane suonare annunciando l’uscita della processione. La trepidazione dell’attesa aumenta sino a quando all’inizio della via appaiono i componenti delle Confraternite e finalmente il Parroco con l’ostensorio che sale lungo la via camminando sul tappeto di fiori, arriva all’altare, impartisce la benedizione e poi dopo una breve omelia la processione riprende il suo cammino verso la cattedrale. L’impegno della Compagnia è quasi finito. I quadri restano sino alla sera nella via in visione e poi vengono distrutti, letteralmente spazzati via. La soddisfazione e’ davvero grande. E da domani si parlerà già della prossima infiorata.

Ma la Compagnia non si limita a questo e si diversificano le attività svolte. Ogni festa religiosa nelle zone del quartiere limitrofe alla via è occasione per correre ad abbellirla con disegni di fiori o ghirlande o corone o con ogni altro oggetto, rigorosamente costruito con le mani dai nostri soci, possa servire allo scopo. Ci si riferisce alla festa di San Pietro, che fa nascere una splendida collaborazione con la Confraternita, alla festa parrocchiale di San Maurizio in sincronia con il Comitato per i festeggiamenti di San Maurizio, alla festa patronale di San Leonardo con decorazioni floreali alla casa natale, alla distribuzione gratuita di dolci e cioccolata, fatta qualche giorno prima di natale davanti alla sede della circoscrizione, alla realizzazione del presepe nella sede della II Circoscrizione che resta aperto al pubblico da Natale sino alla prima domenica dopo l’Epifania con oltre tremila visitatori tanto da diventare, insieme all’infiorata l’appuntamento che richiede più risorse alla Compagnia. La compagnia oltre a dedicare il suo tempo alla città partecipa a diversi concorsi nazionali delle Infiorate d’Italia a Poggio Moiano, a Pietra Ligure, a Villanova d’Asti e altre località.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!