IMPERIA. BILANCIO “FANTASMA”. LA MINORANZA DISERTA LA COMMISSIONE. MEZZERA (PD) ATTACCA:”SPARATE SENSAZIONALISTICHE POI…/ IL CASO

Home Politica

mezzera commissione

Imperia – Questioni pregiudiziali, di forma e anche di sostanza, ricorsi ed esposti al Prefetto e alla Corte dei Conti ma al momento di discutere nel merito della pratica la minoranza diserta la commissione. È questa la denuncia di Gianfranca Mezzera in qualità di capogruppo del PD e a nome dei componenti della Commissione seconda.

“La minoranza in Consiglio Comunale – scrive Gianfranca Mezzera – ha contestato la mancanza della documentazione allegata al bilancio di previsione 2015 al momento della presentazione avvenuto il 28 luglio 2015 rivendicando il diritto di ricevere in quella sede tutti gli atti relativi a questo documento. E presentando inoltre ricorso-istanza al Prefetto chiedendo il suo intervento a tutela della legalità che a parere della minoranza non era stata garantita.
Si è ripetuto così l’iter del bilancio che è stato ripresentato e nuovamente illustrato dall’Amministrazione, nella persona dell’Assessore Abbo, nel Consiglio Comunale del 17.08.2015.
Dopo il Consiglio Comunale il bilancio e’ ripassato all’esame della Commissione competente. Commissione convocata appositamente per approfondire tutte le tematiche relative al detto bilancio di previsione. Ma guarda caso la minoranza, così interessata a parole ad esaminare il bilancio, ha disertato in massa la riunione. Non ci pare sia questo il metodo corretto per dare il contributo anche critico ad una pratica così importante.
Ma forse ad una discussione accesa ma serena la minoranza preferisce le sparate sensazionalistiche facendo inoltre pagare ai cittadini il costo delle riconvocazioni della Commissione e del Consiglio Comunale. Come componenti della Commissione abbiamo deciso di rendere pubblico il nostro pensiero perché è giusto che gli imperiesi sappiano. Con ciò ci scusiamo per il nostro sfogo, abbiamo comunque dato il nostro contributo affinché la pratica del bilancio venga evasa legittimamente, partecipando alla riunione della Commissione”.