IMPERIA. BARCA A VELA CON MOTORE IN AVARIA. 5 PERSONE TRATTE IN SALVO DALLA MOTOVEDETTA DELLA GUARDIA COSTIERA / DETTAGLI

Cronaca Home

Guardia Costiera

Nel corso della notte tra lunedì 28 e martedì 29 settembre, intorno alle ore 00.15, il personale della Sala operativa della Capitaneria di Porto di Imperia ha ricevuto – tramite la Centrale Operativa del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera – una segnalazione relativa ad un’imbarcazione a vela con motore ausiliario in avaria a largo di Diano Marina.
Le condizioni meteo-marine in zona non garantivano la necessaria sicurezza per gli occupanti dell’unità e l’improvvisa avaria al motore ha fatto in modo che i 5 membri dell’equipaggio (tutti uomini, di nazionalità tedesca, in buono stato di salute e di età compresa tra i 57 ed i 73 anni) si ritrovassero in difficoltà a causa del moto ondoso, ad una distanza di circa 3 miglia nautiche dalla costa.
È stato, pertanto, disposto l’invio in zona della M/V CP 864 di Loano, che in meno di un’ora ha raggiunto l’imbarcazione a vela e, dopo che i membri dell’equipaggio si sono sincerati delle buone condizioni di salute dei velisti, ha provveduto a scortarla a Porto Maurizio al fine di offrire riparo dal mare.
Le operazioni, complicate dalle costanti raffiche di vento, si sono positivamente concluse intorno alle ore 02.15, dopo che la barca a vela è riuscita ad ormeggiare nell’approdo imperiese.
Il Comandante della Capitaneria di Porto di Imperia – C.F. (CP) Luciano PISCHEDDA ha dichiarato che “l’operazione di soccorso è stata conclusa rapidamente grazie alla perizia marinaresca dell’equipaggio della M/V CP 864, considerate le condizioni meteo-marine e l’oscurità. Colgo l’occasione per ricordare a chi va per mare di non sottovalutare mai le condizioni del mare e consultare, prima della partenza, il bollettino meteorologico del mare diffuso in isofrequenza 24 ore su 24 sul canale 68 del VHF.”
Si evidenzia l’importanza del 1530, il NUMERO BLU dell’emergenza in mare, che consente di mettersi in contatto gratuitamente con la più vicina sala operativa della Guardia Costiera, abbreviando in questo modo i tempi di intervento.