DIANO MARINA. CHIESE A UN VIGILE DI ANNULLARE UNA MULTA. IL PM CHIEDE IL PROCESSO PER IL SINDACO CHIAPPORI/L’ACCUSA

Golfo Dianese Home

12825132_672272796245405_1588778135_n

Il Pubblico Ministero Alessandro Bogliolo ha chiesto il processo per il Sindaco di Diano Marina Giacomo Chiappori nell’ambito dell’udienza preliminare (nel corso della quale è stata discussa anche l’accusa di voto di scambio, ndr) relativa all’inchiesta che vede il primo cittadino dianese indagato per abuso d’ufficio. La vicenda, risale al 2013, quando Chiappori, secondo l’accusa, invitò un agente della Polizia Municipale ad annullare una multa comminata al titolare di un locale per un dehor privo delle necessarie autorizzazioni. 

Nel dettaglio, secondo quanto ricostruito dalla Procura, il locale aveva chiesto una proroga per il dehor, da sei mesi a un anno. Richiesta che però era stata respinta dagli uffici comunali. Durante un sopralluogo la Polizia Municipale trovò il dehor ancora montato, con i titoli però scaduti. Secondo l’accusa fu in quell’occasione che il Sindaco Chiappori invitò l’agente ad annullare la multa di 160 euro elevata al titolare del “Caffé Teatro” di via Cairoli. Il vigile urbano, profondamente contrariato, denunciò l’accaduto in Procura. Da qui l’avvio dell’inchiesta per abuso d’ufficio.

I legali del Sindaco hanno chiesto il non luogo a procedere per mancanza di prove.