È UN RAP “NO SCHOOL” QUELLO DI PHILIPPE MAZZEO. DOPO 4 ANNI TORNA CON UN NUOVO SINGOLO: “ED È SOLO L’INIZIO”

Home Imperia

12511254_10205697058327526_2100551201_o

È evidente che il rap, giorno dopo giorno, mese dopo mese, anno dopo anno, sta diventando il linguaggio più usato dai giovani per esprimere il disagio e la voglia di cambiare. Non stupisce così che in una realtà mediamente piccola come quella imperiese, vi siano svariati gruppi  e giovani che si cimentano con il rap. Con video musicali più o meno riusciti, rime più o meno azzeccate, tutti cercano di uscire dalla realtà locale inneggiando poi al classicone “Brucia Imperia Brucia“.

Tra di loro c’è anche chi di far musica non ha mai smesso, spesso non interessandosi particolarmente dell’arrivare allo star system canonico o alle radio nazionali. L’importante era cantare, fare rap in questo caso, perchè quel tipo di comunicazione era diventata vitale quanto l’aria che si respira. 

Un po’ come ha fatto Philippe Mazzeo.Non è Old School. Non è New School. E’ il frutto di tanti anni di passione, di rabbia, delusioni e sudore. Questo è quello che sono io oggi. Questa è NO SCHOOL baby“. Lo presenta così il suo nuovo singolo il rapper imperiese Philippe Mazzeo, classe 1985, che sul suo profilo personale aggiunge: “Ci sono voluti 4 anni. Ci sono voluti un sacco di amici che nel tempo mi hanno detto “Cxxxo fré, quando farai uscire roba nuova?”. C’è voluto tempo per chiudere un ciclo ed iniziarne uno nuovo ma eccomi qui, oggi, incxxxxo come non mai. Keep It Up gente, è solo l’inizio“.

Ed effettivamente PHL, è abbastanza arrabbiato. Ha abbandonato il punk e l’hardcore, i generi che hanno segnato i suoi esordi musicali, e da 6 anni si è dedicato al rap.

Tutta questa furia però non lo ha accecato, visto che nel suo nuovo singolo “No school”, Mazzeo ha un occhio ben attento a ciò che va di moda ora. Non ha snaturato il pezzo dal ritmo, forse fin troppo, classico del rap, ma nel ritornello il sound cambia e diventa più musicale, più cantato che “rappato” con quello che commercialmente possiamo chiamare il tormentone del pezzo: “Keep it Up”.

Le minuzie tecniche sul flow o sulla cadenza, più o meno precisa, passano in secondo piano perchè questo nuovo singolo ha del potenziale ed è un urlo di resistenza per tutti coloro che non abbandonano le loro passioni, sia sul palco, sia sotto. Del resto: “Vado avanti e imparo l’arte per non vendere il mio cxxxo al divino Dio contante”.  

S.M.

 

BIO PHILIPPE MAZZEO PHL (Philippe “Phill” Mazzeo, classe 1985) è un rapper / produttore di Imperia. Musicista ed ascoltatore poliedrico, Phill incide le prime canzoni nel 2003 insieme al fratello Alessandro, con la band Alterea in cui milita per 5 anni, entrando successivamente a far parte della band Hardcore sperimentale “Santos Vega” e del sestetto Punk ‘n’ Roll “Temple Rents”. Proprio con questi ultimi, Phill produce insieme a Darian Rundall (Produttore statunitense già conosciuto per il suo lavoro con Pennywise, Yellowcard e gli italiani Vanilla Sky e Dufresne) l’LP “Welcome To Felicity” che esce per INDIEBOX nel 2008. Con i Temple Rents, Phill girerà l’Italia aprendo a band come Misfits, Calibro 35, The Real Mckenzies, The Gaia Corporation fino allo scioglimento della band nel 2010. Proprio il 2010, segna l’anno del passaggio definitivo al rap, prima vera passione dell’artista ligure fin dalla tenera età. Da indipendente, PHL produrrà il mixtape “Dritto In Faccia” nel 2011 e l’album “Storyteller” nel 2012, entrambi caratterizzati da una forte influenza Rock e dall’alternarsi di brani d’impatto e canzoni più morbide e riflessive. Negli anni successivi, parallelamente all’attività nella rock band “Something To Live For”, Phill porta avanti la sperimentazione, fondendo nel proprio suono elementi di rap e rock, nuova e vecchia scuola, chitarre ed elettronica, creando un meltin’ pot potente ed originale, chiamato appunto “NO SCHOOL”, definizione che diventerà il titolo del primo singolo, prodotto da DAIBKIZ e PHL ed edito da INDIEBOX.