IMPERIA. LO STORICO OLEIFICIO “ISNARDI” ESCE DALLA CRISI. SALVI IL MARCHIO E 24 POSTI DI LAVORO /ECCO I DETTAGLI DELL’OPERAZIONE

Home Imperia

L’affitto di azienda durato tre anni e conclusosi positivamente con l’acquisizione ha permesso di salvare e rilanciare l’azienda stessa mantenendo proprietà e sede ad Imperia garantendo un livello occupazionale di 24 unità nella sede di Pontedassio.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

foto3

Il giorno 06 giugno 2016, la società Pietro Isnardi srl rappresentata dall’amministratore unico, Ugo Canetti, ha acquistato il ramo d’azienda comprensivo di marchi ed avviamento, dal concordato della Pietro Isnardi Alimentari spa

L’affitto di azienda durato tre anni e conclusosi positivamente con l’acquisizione ha permesso di salvare e rilanciare l’azienda stessa mantenendo proprietà e sede ad Imperia garantendo un livello occupazionale di 24 unità nella sede di Pontedassio.

La Pietro Isnardi srl aveva ricevuto da parte della procedura, in data 19 aprile 2016 l’accettazione della proposta irrevocabile di acquisto, precedentemente formulata, per la somma di euro 3 milioni e 240 mila. L’intera somma dovuta è stata saldata il 06 giugno 2016 con un netto anticipo rispetto alla proposta accettata che prevedeva il saldo in 5 rate uguali una al rogito e le altre 4, ciascuna ogni 10 mesi quindi l’ultima rata ad ottobre 2019.

Questo permetterà agli organi della procedura di risparmiare gli interessi maturandi e di pagare nettamente in anticipo, rispetto alle previsioni, i creditori privilegiati del concordato.

La Pietro Isnardi srl con grande impegno di tutti è riuscita a superare questa difficile crisi e raggiungere già nel 2015 un fatturato di oltre 12 milioni.

Oggi l’azienda si è rinnovata nel management, la direzione commerciale è stata affidata a Carlo Isnardi.

L’obbiettivo primario sono i mercati esteri vicini come Francia e Germania, ma anche Asia e stati Uniti.

Si ringraziano:

  • In particolare tutte le maestranze che hanno contribuito in prima persona, anche con importanti sacrifici economici.
  • La forza vendite che è rimasta fedele e ha continuato a promuovere i nostri prodotti.
  • I professionisti che hanno assistito la società.
  • Confindustria nella persona del direttore dott. Della Pietra che ha seguito in prima persona la consultazione sindacale.
  • Le sigle sindacali che hanno aderito agli accordi nell’ottica di salvaguardare azienda e posti di lavoro.
  • I fornitori strategici che hanno creduto e fornito la nuova società.
  • Tutte le persone che hanno creduto e appoggiato la famiglia Isnardi.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!