IMPERIA. LA CORRETTA ALIMENTAZIONE NELLO SPORT. AL FRANTOIO GIROMELA LA CONFERENZA DEL DOTT. BESCHI A CURA DELLA “LATTE ALBERTI” / FOTO E VIDEO

Cultura e manifestazioni Home

È questo il tema dibattuto venerdì scorso al Frantoio Giromela in occasione della conferenza organizzata dalla “Latte Alberti” e che ha visto la partecipazione del dott. Stefano Beschi, dietista, e numerosi dirigenti e atleti delle società sportive del territorio

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione





 

Aiutateci ad informarvi!

alberti

Imperia.  La corretta nutrizione per gli sportivi. È questo il tema dibattuto venerdì scorso al Frantoio Giromela in occasione della conferenza organizzata dalla “Latte Alberti” e che ha visto la partecipazione del dott. Stefano Beschi, dietista, e numerosi dirigenti e atleti delle società sportive del territorio. Una corretta alimentazione, prima, dopo e durante l’attività sportiva è fondamentale per garantire il massimo della performance.

Ecco le interviste ai protagonisti.

MATTEO ALBERTI.

Dopo l’incontro sulla dieta Mediterranea oggi si parla di sport e alimentazione, è il secondo appuntamento appunto di un ciclo sull’alimentazione promosso da Latte alberti, di cosa si tratta in particolare?

“Si tratta di approfondire quello che è il rapporto tra corretta alimentazione e l’attività sportiva, l’attività di chi fa attività fisica in modo professionale o semiprofessionale, direi che per la Latte alberti è importante occuparsi di informazione e di educazione alimentare e potersi avvalere di professionisti come il dott. Stefano Beschi è la conferma che ci stiamo muovendo nella giusta direzione, devo dire che tra l’altro l’incontro ha trattato argomenti di grande interesse, credo davvero che tutti quelli che hanno partecipato possano ben essere soddisfatti delle informazioni acquisite e credo che siano qualcosa di utile e concretamente attuabile e non solo di qualcosa di assolutamente teorico”.

Ecco tanti atleti, ma anche dirigenti, invito a loro per promuovere per promuovere un’alimentazione.

“Direi che una corretta educazione e informazione parte tanto dagli atleti dagli sportivi, quanto da poi forma gli atleti quindi bisogna coinvolgere sicuramente anche i dirigenti, il dirigente che fa formazione e che a sua volta, avrà la possibilità di trasmettere questa sensibilità e quest’attenzione agli atleti”.

Il futuro qual è?

“Il futuro è come il passato: continuare a collaborare con le società e associazioni sportive del territorio, qui abbiamo una rappresentanza della Maurina Olio Carli, degli Arcieri Imperiesi , della Rari Nantes Imperia, e dell’Imperia calcio poi abbiamo alcune società sportive con le quali collaboriamo da sempre e ce ne sono ben altre e che quindi continuiamo su questa strada.”

STEFANO BESCHI.

Dott. Beschi di nuovo al frantoio Giromela per una conferenza sull’alimentazione, l’altra volta bai parlato appunto di dieta mediterranea oggi, parliamo, abbiam parlato, ha parlato, dell’alimentazione legata allo sport, come si riesce a sintetizzare quello che ha detto oggi?

“Molto semplicemente l’atleta deve mangiare in maniera corretta un po’ come sono i canoni della dieta mediterranea, quindi nulla di nuovo rispetto a quello che abbiamo detto l’altra volta, quello su cui la dieta dello sportivo si differenzia sono ovviamente i fabbisogni, i carboidrati, di proteine, di quando si usano in funzione della gara che faccione ogni tipo di gara che faccio, dell’orario della gara che faccio quindi come riprendeva il titolo della giornata, del timing nutrizionale, del quando cosa devo mangiare, poi diciamo la corretta alimentazione, come ci insegna la nostra tradizione della dieta mediterranea, è quello che anche ogni atleta dovrebbe assolutamente seguire per agevolare i processi di recupero, sia fisico ma anche mentale”.

Si è parlato anche dell’importanza dell’idratazione perché?

“L’idratazione è importante è fondamentale, basti pensare che che le nostre cellule muscolari come sanno anche i bambini ,il nostro corpo è fatto principalmente di acquea.  Si è stimato che la maggior parte dei crampi muscolari, che i disturbi gastroenterici, sintomi di fatica precoce siano legati ad una non corretta idratazione dell’atleta. Educare i ragazzi fin da giovani al bere adeguatamente, prima , durante, dopo la gara, che cosa bere, è assolutamente fondamentale per l’idratazione, è provato scientificamente, posa influenzare la prestazione fisica molto più dell’alimentazione, molto di più di che cosa mangia”.

Ecco quali sono gli alimenti più idonei per uno sportivo e quelli magari da evitare?

“Non ci sono alimenti idonei, nel senso che se aspettiamo l’alimento magico non esiste, è come dicevo prima, la dieta mediterranea, quindi il connubio di più alimenti, di frutta di verdura, cereali integrali , proteine soprattutto derivate dal pesce, da legumi che possano nel lungo termine, mia abitudine è far così tutti i giorni, non soltanto mangiar correttamente nel pre o nel post gara dare dei benefici, quindi non ci sono alimenti magici. Magari è importante avere una giusta relazione fra chi si occupa di diete, tipo me che son dietista, gli allenatori, i medici sportivi creare una sorta di team, di squadra, per cercare di passare le giuste informazioni ai ragazzi e alle loro famiglie, poi anche le famiglie sono importanti per avere un’alimentazione mediterranea e saperla utilizzare correttamente a seconda degli orari in cui mi alleno e del tipo di attività fisica che faccio”.

L’evento è stato organizzato dalla “Latte Alberti”, in che modo il latte come può esser usato?

“Il latte ad esempio, anche in letteratura scientifica, è usato molto nel post gara, nel post allenamento, questo per un duplice aspetto: intanto cosa banalissima ma parliamo rispetto all’idratazione quando uno finisce una prestazione fisica, mediamente qualsiasi prestazione fisica, finisce disidratato, di conseguenza il latte contiene principalmente acqua, dopodiché contiene il calcio che è un minerale, non solo importante per le ossa ma per la contrazione muscolare.

Terza cosa, una delle più importanti nel recupero, le proteine le contiene il latte, non soltanto come quota proteica in se ma proprio per il tipo di proteine, le proteine di siero di latte sono a rapido svuotamento gastrico quindi permettono di aver un rilascio rapido di amminoacidi nel sangue e quindi di avere un più rapido tempo di recupero, e ovviamente per chi si allena tutti i giorni, e questo succede anche anche nei ragazzi non bisogna esser professionisti, più recupero rapidamente, più ho dei vantaggi”.

Ha detto prima che si dovrebbe mangiare subito dopo lo sport, perché?

“Mangiare e bere, ecco mangiare sembra subito qualcosa di solido, si pensa sempre al panino, invece in realtà il latte potrebbe esser i mangiare post esercizio perché è liquido, gli atleti non sentono la sensazione di fame immediatamente dopo perché l’attività fisica da anoressia, cioè da poca voglia di mangiare. invece imbatte è una sostanza liquida che non ci riempie ma che ci idrata, ci alimenta alla stessa maniera. È importante per diverse ragioni. uno perchè l’ho detto prima, recupero del glicogeni muscolare, cioè delle riserve energetiche muscolari, per la riparazione delle proteine muscolari, per il recupero desistemmo immunitario, se son digiuno da diverse ore, post esercizio fisico ho più probabilità di avere attacchi di influenze, di raffreddori, come un colpo d’aria magari se sono un po’ sudato, perché l’0alimentazione è importante per ristimolare subito il sistema immunitario”.

[wzslider autoplay=”true” interval=”5000″ transition=”‘slide'” lightbox=”true”]

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione





 

Aiutateci ad informarvi!