MATURITÀ 2016. “UMBERTO ECO TROPPO DIFFICILE”. VIAGGIO TRA GLI STUDENTI IMPERIESI DOPO LA PRIMA PROVA/IL REPORTAGE

Attualità Home

collage_interviste_scuola

Imperia. Per migliaia di studenti di tutta italia oggi si è svolta la prima prova dell’esame di maturità. Le tracce quest’anno trattavano svariati argomenti. Da Umberto Eco al suffragio universale, passando per il tema a carattere generale, con la citazione di Piero Zanini sul concetto di ‘confine’, e sino al saggio breve.

ImperiaPost ha realizzato un reportage intervistando gli studenti imperiesi all’uscita del Liceo Scientifico Vieusseux e del Liceo Amoretti.

Il tema ritenuto più spigoloso dalla maggior parte degli studenti, quello relativo all’analisi di un testo di Umberto Eco. “Era molto difficile” hanno spiegato diversi studenti, anche se non è mancata, come sempre, l’eccezione che conferma la regola.

LICEO AMORETTI

Sofia

“Ho scelto la tipologia B, ambito tecnico scientifico, era a proposito di Marte e della scoperta dell’acqua. C’erano dei documenti dove bisognava svolgere un approfondimento”.

 

 Virginia assieme ad una compagna di classe

Analisi del testo. Era abbastanza facile, c’era Umberto Eco“;

“Io la tipologia B, la traccia sul socio economico. Non era difficile, normale come le solite prove che abbiamo fatto in classe”.

 

Emily

“Io ho scelto il tema storico, quello sul voto alle donne”.

SCIENTIFICO

Alessandro

“Ho fatto il tema di ambito letterario e artistico, che riguardava il padre e figlio. Non era difficile, ho puntato più sulla qualità del prodotto più che sulla quantità di informazioni. Il tema era abbastanza semplice”.

 

Sara

“Ho scelto il tema di tipologia D, quello di ordine generale, perchè in generale era l’unico in cui ho trovato qualcosa da dire”.

 

Giorgio con la compagna di classe

Ho scelto la tipologia D, quello di ordine generale. Non era difficile, ampliava su tante argomentazioni perchè era sui confini e sulle frontiere e potevi fare riferimenti storici e attuali. Quindi la condizione attuale delle frontiere, tipo in Francia. Potevi parlare molto”.

“Io quello sull’uomo nello spazio, ho parlato un po’ dei vari italiani che sono andati nello spazio e seguendo le tracce che c’erano, sono riuscito a parlare bene delle varie scoperte che ci sono state”.

 

“Ho scelto la tipologia C, la donna. L’evoluzione della donna e il diritto di voto nel 1946. Non era tanto difficile, bastava avere le basi del diritto di voto e avere delle conoscenze storiche”.

 

Virginia
“Ho scelto il saggio breve, artistico letterario, era abbastanza difficile”.

Alessia
“Il tema di ordine generale. Le tracce erano proprio brutte”

Francesca
“Anche io quello di tipologia D. Le tracce non erano belle, non me lo sarei mai aspettato”.

 

Alessio

“Ho scelto il tema sullo spazio. Non era difficile, i documenti erano abbastanza accettabili, ho preso parecchie cose dai documenti e sono riuscito a creare qualcosa di mio. Ero indeciso se fare quello sul voto alle donne, poi alla fine ho deciso di fare quello sullo spazio. Le altre tracce, a parte quella su Umberto Eco, erano buone”.

Mattia

“Anche io ho scelto il tema sullo spazio, era abbastanza semplice”.

[wzslider autoplay=”true” interval=”5000″ transition=”‘slide’” lightbox=”true” exclude=”184211″]

A cura di Alessandro Moschi.