ATTENTATO TERRORISTICO NIZZA. “C’ERA GENTE CHE VOLAVA DAPPERTUTTO. NON SAPEVAMO DOVE SCAPPARE “/LA VIDEO-TESTIMONIANZA

Attualità Home

collage_racconto_attentatonizza_2

“C’era gente che volava dappertutto. Ancora adesso a ripensarci mi sale il magone, la paura. Abbiamo visto tanti morti, non si capiva chi era vivo e chi no”. Inizia così la drammatica  testimonianza, raccolta da ImperiaPost, di Gilles, italo-francese che ieri era a Nizza per assistere ai fuochi d’artificio per festeggiare il 14 luglio quando un attentato terroristico seminato il panico provocando la morte di 84 persone. Un camion guidato da un 31enne franco-tunisino ha invaso l’isola pedonale travolgendo centinaia di persone.

Non ho pensato che potesse essere un malore o qualcosa di simile, perché ho visto arrivare il camion a tutta velocità e procedere a zig zag per cercare di colpire le persone – ha proseguito Gilles – L’unica cosa possibile è stata scappare. Poi sono arrivati i soccorsi. Non sapevamo neanche dove scappare. Ci dispiaceva lasciare la gente a terra.

Ero con mio fratello per vedere i fuochi. Eravamo qui già dal pomeriggio. Dopo i fuochi, appena finiti abbiamo visto il panico. Pensavamo ci fosse qualche problema con i fuochi, poi abbiamo visto quel camion li. Ho visto sparare e ho capito che era un attentato terroristico. Non ci aspettavamo una cosa simile. Durante l’Europeo c’era pieno di Polizia, ma il clima era tranquillo. Eravamo tranquilli.

Ieri sera è stato qualcosa di tremendo. Quando guardavo la Tv non potevo credere di essere vivo. Ora però non siamo più al sicuro. Menomale che ieri non ho portato i bambini“.