SAN LORENZO AL MARE. MERCOLEDÌ 3 AGOSTO PAOLO FITTIPALDI PRESENTA IL SUO LIBRO ALLA RASSEGNA “DUE PAROLE IN RIVA AL MARE”/ I DETTAGLI

Cultura e manifestazioni Home

collage_dueparole_tattoo

San Lorenzo al Mare. Ha avuto inizio mercoledì 20 luglio la V edizione di “Due Parole in riva al Mare un ‘appuntamento rinomato e già annotato nelle agende degli appassionati di letteratura.

Il prossimo appuntamento in programma è fissato per mercoledì 3 agosto alle ore 21, sempre sulla passeggiata di San Lorenzo al Mare, in piazza Garibaldi. Paolo Fittipaldi presenta “Vorrei un tatuaggio color carne”, edizione Mondadori.

“Siamo molto orgogliosi di presentare il programma della V Edizione di “Due parole in riva al mare”, rassegna letteraria che si svolge nello splendido paese di San Lorenzo al Mare nella piazza al mare (davanti alla spiaggia pubblica), organizzata dalla libraia Nadia Schiavini, Responsabile eventi e settore ragazzi, della Libreria Mondadori di Imperia con il Patrocinio del Comune di San Lorenzo al Mare e della Provincia di Imperia”.

Paolo Fittipaldi è sceneggiatore televisivo ( Colpi di sole, Piloti, Camera Caffè). Come autore web ha vinto nel 2014 il Premio Roma web Festival. Per il teatro si è aggiudicato la terza edizione del Premio Fersen per la nuova drammaturgia italiana sezione atto unico. Ha collaborato ai testi di Beppe Tosco in numerose trasmissioni televisive.

“Vorrei un tatuaggio color carne”, Mondadori

Se negli anni post sessantottini farsi un tatuaggio rappresentava un gesto di rivolta, di rifiuto degli schemi o di affermazione della propria individualità, oggi il tatuaggio è entrato prepotentemente nel nostro vissuto quotidiano come fenomeno di costume diffuso e intergenerazionale.

Tatuarsi è di moda, come dimostra il popolo culturalmente e socialmente trasversale dei tatuati: fotomodelle e calciatori, studenti e artisti, attori e presentatrici TV, professionisti e avvocati incravattati. L’autore si fregia di avere frequentato per mesi i tattoo shop di tutta Italia, raccogliendo testimonianze delle spassose conversazioni tra tatuatore e tatuato: domande ingenue, timori, richieste inconsuete, osservazioni surreali animano questo stupidario, tutto veritiero, nel quale molti si riconosceranno. A corredo, qualche indicazione generale, tra il serio e il faceto, destinata a coloro che “vorrebbero ma non osano” entrare a far parte del popolo dei tatuati. Prefazione di Andrea Rock, RAPfazione di Alberto Pernazza.