IMPERIA. FERROVIA, COLLEGAMENTI CON LE NUOVE STAZIONI. L’ASSEMBLEA DEI SINDACI BOCCIA IL PIANO DELLA REGIONE: “NIENTE TAGLI, CHIEDIAMO…”/ECCO LA PROPOSTA

Home Imperia

Nell’ambito dell’Assemblea è stato anche approvato il bilancio della Provincia.

collage_natta_provincia_bu_s

Approvazione del bilancio provinciale e bocciatura della proposta della Regione sui tagli al piano di trasporto pubblico locale, per trovare i finanziamenti necessari per coprire i costi delle corse di collegamento tra le nuove stazioni e i centri abitati. Erano questi alcuni dei temi discussi alla riunione dei sindaci della Provincia di Imperia, svoltasi oggi.

Spiega così il Presidente della Provincia Fabio Natta: È stato approvato il bilancio della Provincia con grande sforzo anche quest’anno, grazie alla politica dei tagli che abbiamo attuato. Il nuovo bilancio consentirà l’investimento di risorse per le emergenze e soprattutto permetterà di contribuire alla tenuta del Polo Universitario di Imperia e alla sua messa in sicurezza”.

Il bilancio è stato approvato a maggioranza con i voti contrari di Rezzo e Montegrosso. Astenuti Vasia, Isolabona, Armo e Cosio d’Arroscia.

“Per quanto riguarda il secondo argomento – continua Natta – la Regione aveva proposto alla Riviera Trasporti di rimodulare il piano di trasporto pubblico, eseguendo dei tagli per garantire i collegamenti tra le nuove stazioni e i centri abitati. Io mi ero già espresso contrario, e questa mattina ho chiesto il parere dei sindaci, che all’unanimità hanno bocciato la proposta. Le motivazioni riguardano la già poca quantità di corse presenti sul territorio e, inoltre, il fatto che doveva essere la Regione a finanziare i collegamenti.

La controproposta dell’assemblea nei confronti della Regione è quella di rivedere il criterio di ripartizione delle risorse regionali, che si basa sui chilometri dei servizi minimi. Con le nuove stazioni, infatti, avremo dei nuovi servizi minimi essenziali, perciò viene chiesto di incrementare la quota di risorse assegnata alla provincia di Imperia”.

Segui Imperiapost anche su: