IMPERIA. ANTONIO PAROLINI È IL NUOVO AMMINISTRATORE UNICO DI ARTE. SCAJOLA:”SONO CERTO CHE POSSA ESSERE LA PERSONA GIUSTA”

Home Imperia

collage_paroliarte_scajo

Sono stati rinnovati oggi dalla Giunta regionale i vertici di ARTE Imperia. Il nuovo amministratore unico è Antonio Parolini, 42 anni, commercialista e revisore dei conti di Imperia. Confermata, dunque, la notizia anticipata dal nostro giornale.

Parolini, classe 1975, arriva a ricoprire questo ruolo dopo essere stato assessore al Bilancio, alle Partecipate, al Personale, alla Formazione e al Controllo di Gestione della Provincia di Imperia, nell’ultimo periodo della presidenza di Luigi Sappa. Il nuovo amministratore unico di ARTE da 14 anni svolge il lavoro di revisore dei conti in vari Enti locali.

“Ringrazio per l’opera svolta l’architetto Paolo Verda – ha detto l’assessore regionale all’edilizia Marco Scajola e, a nome dell’intera Giunta, auguro al nuovo amministratore unico, buon lavoro. Sono certo che, vista la sua alta professionalità e competenza, Parolini possa essere la persona giusta, in grado di interpretare al meglio le nuove politiche regionali in un’ottica di una maggiore organizzazione e concretezza, per essere sempre più vicine ai tanti bisogni dei cittadini”.

Lunedì 27 febbraio alle ore 11.30 l’assessore Scajola sarà presso la sede di ARTE Imperia per l’insediamento del nuovo amministratore unico e per la sua presentazione agli organi di stampa.

Antonio Parolini, in lizza per la candidatura a Sindaco di Imperia tra le file del centrodestra nel 2013 (poi venne candidato l’avvocato Erminio Annoni), figura tra i papabili per la poltrona di primo cittadino anche per il post Capacci. Il ruolo di amministratore unico, secondo quanto trapela dagli ambienti di centrodestra, però, non precluderebbe a Parolini un’eventuale corsa alla carica di Sindaco. Solo in caso di elezione, infatti, il 42enne commercialista, diverrebbe incompatibile, con la possibilità comunque di dimettersi da una delle due cariche per proseguire il proprio mandato. E se le la poltrona di amministratore unico di Arte fosse un volano per la corsa alla carica di Sindaco di Imperia?