Cultura e manifestazioni, Home — 9 marzo 2017 alle 10:58

IMPERIA. GIORNATA MONDIALE DEL RENE. SCREENING GRATUITI DELL’ASL 1 PRESSO LA TENDA DELLA CROCE ROSSA IN SPIANATA BORGO PERI/LE IMMAGINI

Lo scopo della giornata è quello di promuovere indagini precoci e visite mediche per valutare pazienti a rischio di sviluppare malattie renali

di Redazione

collage_screeningasl

Giovedì 9 marzo 2017 ricorre la Giornata Mondiale del Rene dedicata alla prevenzione delle malattie renali con iniziative di sensibilizzazione ed informazione, promosse dalla Società Italiana di Nefrologia e dalla Fondazione Italiana Rene, in collaborazione con la Croce Rossa Italiana e l’International Society of Nephrology.

La Giornata si svolge ogni anno e, in tutto il mondo si contano molte centinaia di eventi: dall’Argentina alla Malesia, dal Giappone all’Italia. Tutto ciò, per creare consapevolezza. Consapevolezza per assumere comportamenti preventivi, consapevolezza per i fattori di rischio, la consapevolezza su come vivere con una malattia renale. Una grande, articolata iniziativa per salvaguardare la salute dei reni di tutti.

I reni sono organi complessi e decisamente “sorprendenti” che svolgono molti compiti essenziali per mantenerci sani. Piccoli meno di un pugno, si trovano in profondità nell’addome, sotto la gabbia toracica. Loro compito principale e quotidiano è quello di eliminare le tossine e l’acqua in eccesso dal sangue. Inoltre, aiutano a controllare la pressione sanguigna, sono importanti per la produzione dei globuli rossi e per mantenere in salute le nostre ossa, concorrono a controllare attentamente i livelli di molti minerali e molecole nel sangue, tra cui sodio e potassio, e a controllare l’acidità del sangue.

Lo sapevate che i reni:

  • Ci consentono di urinare
  • Rimuovono i rifiuti e liquidi in eccesso dal sangue
  • Controllano l’equilibrio chimico del corpo
  • Contribuiscono a controllare la pressione sanguigna
  • Aiutano a mantenere sana la struttura ossea
  • Contribuiscono alla produzione dei globuli rossi

Il tema scelto per l’edizione 2017 della Giornata del Rene sarà quello dell’obesità. E anche quest’anno la ASL 1 Imperiese aderirà a questa importante Giornata di sensibilizzazione, con il personale del servizio di Nefrologia che sarà a disposizione della popolazione per informazioni, consulenze e test gratuiti.

Lo scopo della giornata è quello di promuovere indagini precoci e visite mediche per valutare pazienti a rischio di sviluppare malattie renali e poter così fornire indicazioni che permettano di arrestare il danno e prevenire la progressione della malattia. Il personale sanitario sarà dunque disponibile a svolgere colloqui individuali sulla malattia, ma anche brevi indagini cliniche gratuite volte a individuare possibili segnali di una patologia renale.

Ecco sedi ed orari

Ventimiglia, in collaborazione con la Croce Verde Intemelia, via della Repubblica angolo via Roma, dalle ore 9 alle 13.

Sanremo, presso l’atrio dell’ospedale di Sanremo dalle 9.00 alle 12.30.

Imperia, presso la tenda della Croce Rossa – Zona Borgo Peri Imperia dalle 9.00 alle 17.00.

L’obesità, tema della Giornata del rene 2017, è in forte incremento nei paesi industrializzati soprattutto nei soggetti oltre 60 anni – spiega il dr. Stefano Saffioti, direttore della struttura Nefrologia dell’ASL 1 imperiese – ed agisce da moltiplicatore del rischio cardiovascolare proprio nell’anziano in cui maggiore è il carico di patologia cronica renale, cardiaca, vascolare oltre che di diabete mellito di tipo 2 e ipertensione. Il rischio di sviluppare insufficienza renale è circa 3 volte superiore nei soggetti in sovrappeso o obesi.

Uno studio condotto su 2103 pazienti con diabete mellito di tipo 2, dimostra che soggetti che presentavano un eccesso alimentare soprattutto di grassi, presentano una più alta prevalenza di danno renale indipendentemente dai fattori di rischio noti.

La restrizione calorica, l’aumento dell’attività fisica oltre ad alcuni farmaci sono in grado di ridurre il livello di alcune sostanze (fetuina) ed aumentarne altre (adiponectina) rallentando la progressione delle nefropatie e la comparsa di malattie cardiovascolari. L’azione correttiva di queste sostanze sulla disfunzione di una importante struttura microscopica del rene (il podocita), evidenzia l’esistenza di strette relazioni tra tessuto adiposo e rene. L’interpretazione di questi recenti studi conferma e ribadisce ciò che dobbiamo fare per comprendere i meccanismi che legano il danno ai reni all’eccesso di peso e alla nefropatia diabetica, aprendo nuovi orizzonti terapeutici per contrastare l’aumento della morbilità e la mortalità associate all’obesità”