Golfo Dianese, Home — 31 marzo 2017 alle 20:08

DIANO MARINA. IL CONSIGLIO COMUNALE APPROVA IL BILANCIO DI PREVISIONE 2017. LA MINORANZA VOTA NO / LA DISCUSSIONE

na discussione con poche polemiche e con qualche spunto propositivo dalla minoranza in particolare dal consigliere del Partito Democratico Marco Ghirelli.

di Redazione

17692664_880578832081466_328357927_o

Il consiglio comunale di Diano Marina ha approvato il bilancio di previsione 2017. Voto favorevole della maggioranza mentre la minoranza, com’era prevedibile, ha votato contro sia al D.U.P. (documento unico di programmazione) che al Bilancio. Una discussione con poche polemiche e con qualche spunto propositivo dalla minoranza in particolare dal consigliere del Partito Democratico Marco Ghirelli. 

LA DISCUSSIONE SUL D.U.P.

Borgarello (Movimento 5 Stelle) : “Voteremo no perché mancano investimenti nel territorio di Diano Marina eliminando possibilità di sviluppo. Se nella viabilità non investiamo la situazione rimarrà così com’è, così come per la pista ciclabile. Non vengono stanziati investimenti. Mi ritrovo a che fare con problematiche vecchie come la rete fognaria e la rete idrica. D’estate viene a mancare l’acqua in tutte le case di Diano Marina. Notiamo che invece vengono stanziati gli stessi soldi in manutenzione ma gli interventi non sono strutturali. Interventi di urgenza e basta, tapulli, mai una soluzione definitiva. Per il campo da calcio non sono stati stanziati i fondi nel bilancio, 450 mila euro così come dichiarato a mezzo stampa dal vice sindaco Za Garibaldi. Il riutilizzo del sedime ferroviario, parcheggi etc non sono nel D.U.P.. Se aveste fatto un bilancio partecipato alla minoranza sarebbe stato diverso, adesso possiamo fare solo emendamenti che verranno quasi sicuramente bocciati. Ci sono mancanze e contraddizioni all’interno di questo documento. Politicamente non condividiamo la vostro visione di Diano Marina. La pista ciclabile è fondamentale per la vita di Diano Marina e voi non avete stanziato fondi. Non ci sono collegamenti dalla stazione, un grave danno per il turismo. Voteremo no al DUP e al Bilancio Previsionale”.

Calcagno (Diano Riparte) : “Il DUP lo abbiamo guardato adesso. La prima cosa che abbiamo notato, le spese per il turismo 295 nel 2017, 265 nel 2018 e 200 mila nel 2019, vogliamo capire perché. Solo 56 mila euro per le manifestazioni. Per l’agricoltura non è stato stanziato nulla e per le politiche giovanili e lo sport solo 4 mila euro. I tributi locali sono sugli 8 milioni di euro, 1400 euro per ogni cittadino inclusi i bambini. Non ci sono riferimenti al nuovo polo scolastico e neppure i miglioramenti a quelli esistenti. Questo DUP è confusionario, voteremo contro”.

Ghirelli (PD): “Mancanza di programmazione e di respiro, non si cercano nuovi modi di investire. Non sono stato d’accordo con voi sull’utilizzo dell’ex sedime ferroviario. Il mio voto sul DUP sarà contrario”.

BILANCIO

“Sono abbattuto dagli interventi che ho ascoltato poco fa – ha detto l’assessore al bilancio Luigi Basso – O si è sicuri oppure si sta zitti. Se credete davvero che ci sono 4 mila euro per lo sport e i giornalisti rilanciano la notizia allora allargo le braccia. Il bilancio di previsione per la prima volta nei ultimi 15 anni il consiglio comunale di Diano Marina approva nei termini il bilancio di previsione e per noi è motivo di orgoglio. Il bilancio rappresenta il 30% della realtà finanziaria. Questa è una bozza di bilancio fatta oggi. Mancano però dei dati fondamentali come l’accertamento dei residui, manca l’applicazione dell’avanzo di amministrazione, abbiamo previsto 662 mila euro ma è un dato presunto e presuntivo che probabilmente verrà confermato ma non possiamo metterlo nel bilancio. Manca infine il dato di verticalizzazione regionale. Mancano 2-3 milioni di euro.

Si tratta di un bilancio che è una bozza su cui secondo me c’è poco da dire. I tributi pesano 3,2 milioni di euro, la TARI è una partita che chiude in pareggio. Non c’è più il servizio idrico integrato e non c’è più il contributo per il collettamento. È un bilancio scheletrico. In questi 17 milioni ci sono partite di giro alla tesoreria e per quanto riguarda la spesa corrente è 11 milioni e 500 mila euro. Di questi 12 milioni i servizi sociali sono una Repubblica a sé, ci sono le spese di personale. Abbiamo ridotto le posizioni organizzative da 18 a 7 tpo. Da quei 12 milioni di euro, scendiamo vertiginosamente al 10% su cui possiamo decidere, su tutto il resto è un bilancio già fatto. Le entrate sono bloccate e le spese sono incomprimibili. I 900 mila euro in conto capitale fanno nelle manutenzioni, riparare i tubi e tappare le buche. Se Borgarello mi trova la copertura finanziaria io lunedì faccio una variazione di bilancio per rifare la fognatura e la pista ciclabile.

Abbiamo fatto modo che la GM facesse più utili perché ci dà un ricco dividendo. La GM ci dà 210 mila dai parcheggi 70 mila dal canone di concessione e 240 mila di dividendo. Sono 500 mila euro, un polmone economico per il comune.

La spesa al titolo quarto di 600 mila euro sono i vecchi mutui che stiamo pagando. Abbiamo bloccato tutti i rinnovi delle convenzioni che sono scadute perché non era prudente e legalmente possibile mantenere quegli stanziamenti.

La composizione del fondo cassa, stimiamo 9 milioni e 104 mila euro, una roba da pazzi, potremmo fare le scuole, sono là a Roma alla banca d’Italia. Venendo nel dettaglio sulle entrate c’è poco da dire, sull’Imu è molto importante. Noi abbiamo avuto tantissimi problemi perché è cambiata la modalità dell’applicazione. Vicenda emblematica del comportamento dello Stato con i Comuni. Quattro milioni sono quelli che vanno al Comune ma non c’è l’altro dato, la rapina dello Stato al bilancio del comune.

Fondo crediti di dubbia esigibilità sono circa 500 mila euro. Il fondo di riserva sono altri 60 mila euro. Il risultato di amministrazione e sugli equilibri di bilancio è garantito per  1 milione e 107 mila euro. I proventi dalla vendita di beni abbiamo 562 mila euro delle entrate.

Spese correnti abbiamo risparmiato circa 500 mila euro rispetto l’anno scorso. Spese conto capitale 919 mila euro. Missioni e programmi. Sul turismo ci sono 295 mila euro ma comprende anche lo sport. I 4 mila euro sono gli interessi che paghiamo sui mutui. Non è che abbiamo messo 4 mila euro sullo sport se no la Brunazzi ci saltava addosso. Il turismo ci sono 295 mila. Fondi regionali per il turismo ci sono 0 euro. Ci serviranno tante variazioni di bilancio. 

Calcagno (Imperia Riparte): Alla voce mutui c’è un mutuo consistente, non riusciamo a capire cosa sia. Restituzione di somme indebitamente percepite a cosa si riferisce?

Ghirelli (PD): “Il fondo pluriennale vincolato non è ancora stato accertato. Senza il Peg è difficile identificare le uscite in conto capitale. Vi invito a cercare dei progetti che possono essere finanziati, dal Ministero, dall’Europa e dalla verticalizzazione della Regione. Ho notato che nel 2017 c’è un incremento del recupero dell’evasione. Non sono convinto delle scelte di questa amministrazione e perciò il mio voto sarà contrario”.  

Borgarello (m5s): “Non capisco se l’amministrazione chiede aiuto alla minoranza o meno. Ho presentato un progetto per la spazzatura che in due anni permetteva di rientrare dell’investimento e di diminuire la Tari. Quest’anno chiederemo alla GM 240 mila euro e dai prossimi anni solo 65 mila euro. La GM vuole investire 350 mila euro per l’allungamento del molo e 250 mila euro per l’acquisto del capannone. Noi la biblioteca ce l’abbiamo più chiusa che aperta. Ci vorrebbe un investimento maggiore in questa struttura, il personale più qualificato”. 

Angelo Basso (Diano Riparte):”Ogni anno si ricopiano le stesse cose. Sul turismo i finanziamenti sul turismo parlano di Carnevale, infiorata, wind festival. Avrei gradito che uno strumento del bilancio avesse avuto un intervento della giunta e dei consiglieri incaricati. Si tratta di un bilancio suscettibile di molte modifiche, bisogna verificare l’avanzo di amministrazione e i residui. Ci sono cosa che balzano agli occhi, penso al museo che deve avere la precedenza assoluta. Diavolo il wind festival lo volete riproporre? Il centro anziani e il museo dovrebbe avere la precedenza perché sono sentiti da tutti. Spese di investimento, solleciterei che vengano stanziati fondi per Villa Scarsella, il cimitero, via Berzi. Mi auguro che l’assessore Basso possa piazzare le cifre adeguate per il museo e il centro anziani”. 

Chiappori (Sindaco):Credo che di assessori al bilancio Diano Marina ne ha visti pochi. Io sono come un padre ma un po’ di umiltà, non sapete neanche da dove cominciare, non sapete di cosa state parlando. Se la Regione non riesce a verticalizzare non ne pigli dei soldi. Mi serve un milione e 400 mila per mettere a posto palazzo Muzio. Bisogna essere qui ad amministrare, vieni umilmente e ti insegno ad amministrare, tu (Borgarello) non hai umiltà. Stiamo valutando di rimettere a posto via Biancheri e farci stare tutte le scuole. Se li trovate noi non ci vergognamo e imparate a leggere i bilanci. Come li sa fare Basso, non li so fare io. Io sono un ragioniere vecchio stampo uscito nel ’71. L’opposizione si fa cercando di aiutare e non cercando di minare tutto quello che facciamo. In 12 anni paghiamo il capannone della GM e poi abbiamo milioni di euro”.

 
 
 
ITALIE_PC_1980X1080-imperiapost_new