IMPERIA. ALL’OPERA GLI STUDENTI DELLA SCUOLA EDILE E DEL LICEO ARTISTICO PER REALIZZARE UN MURALES AL CAMPETTO DELLE EX FERRIERE. GLI ORGANIZZATORI:”IL TEMA È…”/L’INIZIATIVA

Cultura e manifestazioni Home

genitore_murales

Un murales a tema “Lo sport contro il Bullismo”. È questo il progetto promosso dall’Associazione Genitori @ttivi, in collaborazione con le scuole Sei-Cpt Scuola Edile e Liceo Artistico di Imperia.

Gli studenti della Scuola Edile hanno iniziato pochi giorni fa i lavori di preparazione del muro del campetto delle ex Ferriere in via Gibelli, che verrà poi decorato dai ragazzi del Liceo Artistico. Il fine del lavoro non è solo quello di valorizzare il luogo che, a seguito della riapertura avvenuta 5 mesi fa, dopo i lavori di ristrutturazione, ha subito alcuni danni, ma anche quello di sensibilizzare le persone sul delicato tema del bullismo.

Sponsor del progetto sono ProjectEasy, che ha fornito i materiali, Malì Parrucchieri Imperia, In.net sas, Teatro Impertinente e Associazione Culturale Ludo Ergo Sum – Tana dei Goblin e BMC Mastri Comunicatori, che si occupa di realizzare un video che verrà proiettato alla giornata di inaugurazione. Hanno partecipato al progetto anche i membri del consiglio comunale dei ragazzi e i rappresentanti di classe dell’Ipsia G. Marconi.

ImperiaPost ha incontrato Federica Novelli, Elisa Paolillo e Manuela Bottino del direttivo dell’Associazione Genitori @ttivi, per conoscere nel dettaglio l’iniziativa.

QUAL È L’OBIETTIVO DEL PROGETTO?

“Siamo partiti dal nostro desiderio di voler ridare vita al campetto. A ottobre del 2016 abbiamo inaugurato il campetto dopo la ristrutturazione e adesso volevamo dare quel tocco in più, lasciando la nostra “firma”. Da qui l’idea di realizzare un colorato murales sul muro che si affaccia sul campo, al momento molto rovinato, chiedendo la collaborazione degli studenti della Scuola Edile e del Liceo Artistico. 

La seconda finalità è però molto più profonda, ossia quella di sensibilizzare bambini, ragazzi e adulti sul delicato tema del bullismo, in maniera costruttiva. Per questo abbiamo deciso di scegliere come tema per il murales “Lo sport contro il bullismo”. 

COME SI AFFRONTA IL TEMA DEL BULLISMO IN MODO COSTRUTTIVO?

Coinvolgendo i ragazzi in modo creativo e attivo. Parlare in modo passivo non serve a nulla, anzi, può essere controproducente. Invece stimolare gli studenti a lavorare insieme a un progetto fa abbattere le barriere. Lo sport, poi, è l’emblema dell’unione e trovandoci in un campetto dove si fa sport era il connubio perfetto. La nostra società tende a disgregare, mentre quello che vogliamo fare noi è integrare. In questo progetto gli adulti stanno dietro le quinte, i veri protagonisti sono i ragazzi, che devono attivarsi, agire, creare. Dobbiamo non solo affrontare il problema di coloro che sono vittime del bullismo, ma anche degli stessi bulli, capendo i motivi per cui diventano tali, per prevenire la problematica”.

COME SI SVOLGE IL PROGETTO?

“Prima di tutto abbiamo coinvolto il Liceo Artistico, dal quale abbiamo avuto un’ottima risposta anche grazie alle professoresse Laura Comollo e Cristina Rovaldi. Gli studenti della classe quarta hanno realizzato alcuni bozzetti sul tema proposto.

Dopodichè dovevamo trovare la “giuria” per scegliere quale usare come modello per il nostro murales. Qui è entrato in gioco il Consiglio Comunale dei Ragazzi, che abbiamo incontrato insieme ai rappresentanti del settore dei Servizi Sociali del Comune. È stata un’occasione anche per parlare di bullismo e abbiamo notato che i ragazzi si sono lasciati molto andare, aprendosi e parlando delle loro esperienze. Poi abbiamo chiesto l’opinione degli studenti dell’Ipsia G. Marconi, con l’approvazione della professoressa Manuela Cometto, e dell’artista imperiese di street art MrFijodor. Da tutti i loro voti è emerso un vincitore, che ora è segreto.

Venerdì 31 marzo i ragazzi della Scuola Edile, con l’approvazione del professor Giuseppe Fittipaldi, hanno iniziato la preparazione del muro e dovrebbero finire la prossima settimana. A quel punto gli studenti dell’Artistico realizzeranno il murales”.

È STATO QUINDI UN LAVORO DI SINERGIE.

“Sì, abbiamo voluto coinvolgere più soggetti possibile, per rendere il progetto più creativo e dinamico. Inoltre, abbiamo avviato un progetto in parallelo che si chiama “Martial Theatre”, per bambini fino ai 12 anni, che si tiene tutti i giovedì. Si tratta di una serie di incontri tenuti dall’animatrice teatrale Isabella in cui si organizzano giochi per abbattere i ruoli nei bambini. Non esiste più “il bullo” e “la vittima” ma solo il “mettercela tutta per far vincere la squadra. I bambini che parteciperanno a questi incontri verranno coinvolti il giorno dell’inaugurazione in una bellissima dimostrazione. Un altro aspetto positivo è il fatto che abbiamo avuto il via dei condomini del palazzo su cui realizzeremo il murales. Il muro, infatti, si affaccia sul campetto, ma è di proprietà privata. I condomini però hanno accolto con entusiasmo l’idea e ci hanno lasciato carta bianca. Questo ci ha reso molto soddisfatti”.

QUANDO SARÀ  COMPLETATO IL MURALES?

Indicativamente verso fine maggio/inizio giugno, prima della fine della scuola. Organizzeremo una festa di inaugurazione alla quale tutta la cittadinanza sarà invitata a partecipare. Oltre alla presentazione del murales e alla dimostrazione del Martial Theatre, sarà anche presentato il video sull’intera realizzazione del murales, curato da BMC Mastri Comunicatori”.

[wzslider autoplay=”true” interval=”6000″ transition=”‘slide’” lightbox=”true”]