PARCHEGGI VICINO ALLA NUOVA STAZIONE OCCUPATI DA CAMPER E ROULOTTE. LA RABBIA DEL GRUPPO IMPERIA CAMBIA:”SITUAZIONE CRITICA A CAUSA DI UNA CARENTE PIANIFICAZIONE”/LE IMMAGINI

Home Imperia

collage_ic_park_camper

“Desideriamo richiamare l’attenzione sui parcheggi nuovi in zona cimitero che sono anche limitrofi al percorso per recarsi alla nuova stazione. Le carenze lamentate dagli utenti come pedoni , conducenti di mezzi propri o residenti rimangono attuali” – Scrivono i Consiglieri del gruppo “Imperia Cambia“, Ester d’Agostino, Paolo Re e Natalia Riccò, con una nota stampa.

“Uno sguardo esteso ai nuovi parcheggi in zona cimitero mette in evidenza diverse carenze e sollecita alcune riflessioni ed interrogativi nella pianificazione e controllo di queste importanti infrastrutture per la Città durante la difficile transizione:

Questi parcheggi sono purtroppo utilizzati per stazionamento di roulotte e camper, ma anche furgoni commerciali, sottraendo posti macchina preziosi per chi – non trovando posto sotto la stazione – cerca spazi in prossimità.

I marciapiedi appena costruiti per raccordare tali parcheggi alla restante viabilità pedonale (tuttora carente e pericolosa) sono in parte privi degli scivoli per consentire a chi ha carrozzelle per bambini, carrozzine per disabili e persino viaggiatori con trolley, un percorso meno disagevole.

Queste nuove realizzazioni ignorano di fatto le battaglie fatte dal consigliere Marino del PD, per rendere la città amica delle persone diversamente abili. Dobbiamo pensare che per i lavori realizzati dalle Ferrovie queste politiche diventano secondarie nel silenzio della Amministrazione ?

Ci rendiamo conto che la situazione parcheggi è critica in generale, a causa di una carente pianificazione a prescindere dalla nuova stazione. E occorre tenere presente l’equilibrio tra esigenze dei residenti e quelle dei viaggiatori utenti del treno. Occorre armonizzare gli squilibri di chi ha lavorato male sulla nuova stazione, almeno fino a quando le ben note magagne/carenze saranno rimediate.

Non sarebbe male se tra l’inaugurazione acerba del 12 dicembre e la scadenza dei sei mesi chiesti dall’assessore Abbo e dalle FS per rimediare ci fosse stata maggiore spinta per azzerare le magagne lamentate dai viaggiatori.

Il 12 giugno tireremo le somme. Intanto si guardi ai parcheggi a tutto campo! E’ un vero peccato che tutti i progetti della nostra città – ieri come oggi – siano segnati da un percorso travagliato che snerva tanto l’Amministrazione quanto i cittadini. Anche in questo campo, abbiamo perso l’occasione di dare discontinuità alle nostre croniche pecche”.

[wzslider autoplay=”true” interval=”5000″ transition=”‘slide’” lightbox=”true” exclude=”255104″]