DIANO MARINA. REFERENDUM SULLA PISTA CICLABILE. BORGARELLO (M5S):”AUSPICHIAMO CHE QUESTA RICHIESTA VADA A BUON FINE”

Golfo Dianese Home

collage__borgarellociclabile

“In merito alle recenti polemiche emerse in seguito alle azioni della minoranza consigliare, di cui il M5S fa parte, che hanno creato reazioni da avanspettacolo da parte dell’assessore Luigi Basso, seguito a ruota dal capogruppo della maggioranza Davide Carpano, i quali con supposto tono ironico degradano il Sindaco a semplice Consigliere Comunale tacciandoci di non essere capaci di fare una semplice divisione – scrive Simone Borgarello, Consigliere capogruppo del Movimento 5 Stelle di Diano Marina.

“Non vogliamo alimentare polemiche e riconosciamo la vis comica che anima gli interventi di questi due signori, anche perché essendo il nostro Movimento capitanato da un ex-comico siamo in grado di riconoscere i talenti in questo senso.

Il Referendum consultivo per sapere dove sia meglio far passare la ciclabile, avvalendosi di un importante consiglio: quello della comunità, che verrà ampiamente informata sull’argomento, non merita di essere invalidato da affermazioni che furbescamente deviano l’attenzione sui soggetti promotori, ridicolizzandoli.

Non avevamo previsto tali reazioni, in quanto l’amministrazione Chiappori si era già spesa in passato per un Referendum via web sulla viabilità e, leggendo sugli articoli (Novembre 2015), notiamo forti cambiamenti sulla partecipazione dei cittadini a esprimere scelte che cambieranno la loro vita.

Il Movimento 5 Stelle auspica, indipendentemente dalle polemiche, che questa richiesta vada a buon fine anche nel suo ruolo, da sempre rivendicato, di movimento popolare a favore di una democrazia a partecipazione diretta del cittadino.

Dal momento che, a quanto ci consta, nessun membro dell’opposizione ha intenzione di rassegnare le proprie dimissioni dal Consiglio Comunale, prendiamo per buona la dichiarazione dell’assessore Luigi Basso e del capogruppo Davide Carpano, augurando loro ogni bene, e nella speranza che anche dopo le loro dimissioni possano contribuire in modo fattivo alla gestione della città”.