IMPERIA. PAZIENTI IN CORRIDOIO NEL REPARTO PSICHIATRIA DELL’OSPEDALE. L’ALLARME DEI SINDACATI:”TOTALE MANCANZA DI SICUREZZA E PRIVACY. CHIEDIAMO ALLA DIREZIONE ASL…”/IL CASO

Attualità Home

Tornano a chiedere maggiore sicurezza e rispetto della privacy all’interno del reparto di psichiatria dell’Ospedale di Imperia, i sindacalisti Tiziano Tomatis e Nico Zanchi

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione





 

Aiutateci ad informarvi!

psimp

Tornano a chiedere maggiore sicurezza e rispetto della privacy all’interno del reparto di psichiatria dell’Ospedale di Imperia, i sindacalisti Tiziano Tomatis e Nico Zanchi, rispettivamente delle organizzazioni sindacali della FP CGIL e della CISL FP.

In passato, Zanchi e Tomatis hanno più volte sollevato il problema del sovraffollamento, ma, dopo il grave episodio di diversi giorni fa, quando un 30enne immigrato di nazionalità tunisina ha minacciato il personale sanitario con un martello e, dopo aver sfondato i vetri di una finestra, si è lanciato da un terrazzo dove lo attendeva un complice, per poi darsi alla fuga, la richiesta si fa ancora più urgente.

Dopo quell’episodio avevamo chiesto maggiori garanzie all’Asl – affermano i sindacalisti – auspicando maggiore sicurezza all’interno del reparto psichiatria, ma, nella giornata di ieri, nonostante i posti letto siano 20, c’erano in reparto 22 pazienti, di cui 2 in corridoio. Ci era stato garantito che non avrebbero più permesso sovraffollamento. È problema gravissimo in termini di sicurezza, senza contare la totale violazione della privacy.

Il 31 luglio abbiamo un incontro tecnico con la direzione Asl per discutere delle indennità – continuano – Vogliamo che entro quella data sia stilato un documento ufficiale con la quale si garantisca con il rispetto del numero massimo di 20 posti letto e che, in caso di sovraffollamento, si vengano trovate soluzioni alternative sempre nel rispetto dei pazienti”.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione





 

Aiutateci ad informarvi!