REZZO. SENZA VELI AI LAGHETTI. DOPO LE PROTESTE DEGLI ABITANTI SCATTA L’ORDINANZA ANTI-NUDISMO DEL SINDACO RENATO ADORNO/I DETTAGLI

Entroterra Home

In seguito alle proteste delle famiglie di residenti e turisti del comune, il sindaco Renato Adorno ha emesso un’ordinanza che impone il divieto di esibire forme di nudità e l`obbligo di coprire le parti intime. Da 25 a 500 euro di multa per i trasgressori.

Ordinanza Rezzo

Rezzo. Le famiglie di residenti e turisti di Rezzo non ne potevano più, e, infastiditi dalla quantità di uomini e donne che si aggiravano nudi nei dintorni dei laghetti e dei corsi d’acqua della zona, si sono quindi rivolti al sindaco Renato Adorno, sollecitandone l’immediato intervento. Nel comune della Valle Arroscia sembra infatti che in più occasioni siano state avvistate persone nude, tanto da convincere il primo cittadino a emettere un’ordinanza che impone il divieto «a tutti i frequentatori delle zone vicine ai corsi d’acqua del territorio comunale, di esibire forme di nudità», in particolare stabilendo l’obbligo di «coprire le zone intime maschili e femminili» indossando degli indumenti.

Il sindaco ha disposto anche dei controlli per verificare il rispetto dell’ordinanza, con il rischio per i trasgressori di incorrere in una sanzione amministrativa pecuniaria compresa tra i 25 e i 500 euro.

Segui Imperiapost anche su: