MONESI. A QUASI UN ANNO DALL’ALLUVIONE L’AMAREZZA DEI TITOLARI DEL “RIFUGIO DEL RAMINGO”. “SI FANNO I SELFIE SULLE MACERIE, LE ISTITUZIONI…”/ LA LETTERA

Entroterra Home

Il nostro GRAZIE più grande è per Niccolò e Giulia,i nostri figli,che hanno vissuto con noi la genesi,lo sviluppo e la morte del nostro progetto e che hanno, sotto quelle macerie,buona parte della loro infanzia.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione





 

Aiutateci ad informarvi!

ramingo

Giuseppe De Paolo e la moglie Cinzia Lanteri, titolari del B&B “Il Rifugio del Ramingo” a Monesi di Mendatica scrivono alla nostra redazione, a quasi un anno dalla drammatica alluvione che ha reso inagibile la sua abitazione, una lettera “amara” per per ricordare la loro vita prima del disastro, il loro presente e le loro speranze per il futuro.

“Quando la tempesta sarà finita,

probabilmente non saprai neanche tu come hai fatto ad attraversarla e a uscirne vivo.

Anzi,non sarai neanche sicuro se sia finita per davvero.

Ma su un punto non c’è dubbio. Ed è che tu, uscito da quel vento,non sarai lo stesso che vi è entrato.”

Ridimensionate le nostre attività in città, eravamo pronti al definitivo trasferimento,un progetto di vita a lungo meditato e sognato,e in quei giorni dovevamo dedicarci agli addobbi del nostro B&B, sold-out per le vacanze natalizie e con ottime prospettive per le presenze invernali.

E poi…STOP,e RESET.

E’ quasi passato un anno e nonostante la nostra non più giovane età e la nostra esperienza ci siamo addentrati in mondi,in situazioni che avevamo visto solo da spettatori attraverso i notiziari e i vari format di denuncia sociale.

LA BUROCRAZIA. Povera Italia, stritolata da mille e una pratica da presentare,in ogni occasione, fogli su fogli e non è mai finita.

Lettere scritte alle diverse Istituzioni,ai politici,spesso rimaste prive di risposta o quando questa c’è stata: “non sono previsti fondi, etc.etc “.

E però ti accorgi che ogni cittadino italiano, residente in una qualsiasi ZONA ROSSA del territorio nazionale vale ¼ di quanto viene corrisposto alle varie ONLUS per ogni “assistito” extra UE.

Troppe sono le domande che non trovano risposte!

GLI SCIACALLI. Sciacalli materiali,che si introducono nelle abitazioni, depredandole, saccheggiandole,e a volte abbandonano la refurtiva per strada per caricarne altra forse più interessante.

Ma i peggiori sono gli sciacalli morali, quelli che incorniciano i meravigliosi paesaggi di quelle montagne con le case distrutte,che fanno selfie con famiglie al seguito sulle macerie, che si introducono nelle stanze delle nostre case sventrate con i droni causando dispiacere infinito.

Non vincerete mai il World Press Photo Award! Siete solo dei “Napalm 51” che per qualche like  in più vi addentrate in quella ZONA ROSSA che noi, proprietari di quelle case distrutte,lesionate,prossime al crollo, oltrepassiamo solo con il placet del Comune.

Siamo solidali con i sindaci di Amatrice,di Farindola che invocano la fine del disaster tourism e il rispetto per il dolore di quei luoghi.

GRAZIE a chi ci è stato vicino,confortandoci ,sostenendoci ,incoraggiandoci,in tanti modi, anche inaspettati,in città,in Italia e all’estero.

Il nostro GRAZIE più grande è per Niccolò e Giulia,i nostri figli,che hanno vissuto con noi la genesi,lo sviluppo e la morte del nostro progetto e che hanno, sotto quelle macerie,buona parte della loro infanzia.

“Questi sono e resteranno per sempre i migliori anni della nostra vita…”

 

 

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione





 

Aiutateci ad informarvi!