IN UN VILLAGGIO DEL NEPAL L’INCONTRO DI UN IMPERIESE CON I TERREMOTATI DEL 2015. IL 25ENNE MARCO SERVALLI:”LA VALANGA HA DISTRUTTO OGNI COSA E…”/LA STORIA

Cultura e manifestazioni Home Imperia

Un 25enne imperiese, Marco Servalli, laureato in Progettazione Aree Verdi e Pianificazione Territoriale, ha passato un’esperienza in Nepal, vivendo in prima persona le conseguenze che il devastante terremoto ha portato…

servalli 2

Un terremoto due anni fa ha spazzato via interi villaggi in Nepal, causando vittime e danni incalcolabili. Il 25enne imperiese, Marco Servalli, laureato in Progettazione Aree Verdi e Pianificazione Territoriale, ha trascorso un’esperienza nel paese dell’Asia meridionale, vivendo in prima persona le conseguenze che il devastante terremoto ha portato, e aiutando un nepalese rimando profondamente danneggiato.

COSA TI HA PORTATO IN NEPAL?

“Avevo bisogno di cambiare aria per un po’, sono partito per un mese e ho fatto esperienze meravigliose in Nepal, come scalare alcune vette dell’Himalaya. Sono arrivato a circa 5.500 metri, anche se sembra un’altezza spropositata è stato un percorso abbastanza semplice. L’esperienza che però mi ha toccato di più è stata quella vissuta al villaggio di Langtang”.

COSA È SUCCESSO A LANGTANG?

Il villaggio Langtang è stato colpito duramente dal terremoto che ha devastato il Nepal 2 anni fa, causando in totale oltre 8 mila vittime. In particolare, a Langtang si è staccata la valanga sopra il villaggio ed è stato praticamente raso al suolo. A causa del terremoto anche 2 italiani hanno perso la vita, mentre altri 2 sono rimasti feriti, e uno di questi, Giovanni Pizzorni, ha scritto un libro che si intitola “Oltre la valanga”, che ho letto e che mi ha fatto vivere con altri occhi questa esperienza.

In pratica il villaggio è ora un cimitero a cielo aperto. Metà è stata travolta dalla valanga e l’altra metà è stata distrutta dalla massa d’aria provocata dallo spostamento. C’erano pietre che volavano. Solo una casa è rimasta in piedi”.

C’È STATO UN TENTATIVO DI RICOSTRUZIONE?

Il governo aveva dato i soldi per ogni famiglia per aiutare a ricostruire le case, qualcuna è stata ricostruita, ma ovviamente in fretta e furia, quindi non c’è stata la possibilità di ricreare le particolarità architettoniche del villaggio, che aveva più di 600 anni di storia.

Si è cercato di fare più veloce possibile. Le macerie che sono rimaste sono tante”.

LÌ AVETE AIUTATO UNA PERSONA RIMASTA COINVOLTA NEL TERREMOTO IN PRIMA PERSONA.

Sì. È Pasang, un signore nepalese, circa 40enne, che durante il terremoto ha perso la moglie e tutto ciò che aveva. La casa dove abitava è stata ridotte in macerie che ancora si trovano nello stesso punto di 2 anni fa, e che Pasang vede ogni giorno quando esce dall’abitazione costruita in fretta a fianco. Nel disastro è rimasto ferito a un braccio e lo muove male. Per questo motivo non è riuscito mai a togliere i detriti e a sistemare un po’ la situazione. Così con il mio compagno di viaggio lo abbiamo aiutato, abbiamo messo un po’ di ordine, diviso i legni buoni da quelli da bruciare, abbiamo costruito due muretti davanti a casa per creare una sorta di cortile”.

QUALI DIFFERENZE HAI NOTATO NEL MODO DI VIVERE NEPALESE?

“L’approccio alla vita è completamente diverso da quello di noi occidentali. Anche pensando al terremoto, non si lasciano andare per la disperazione, vivono alla giornata. Non lasciano mai trasparire i loro sentimenti. Vivono con l’essenziale. Il villaggio è a 3.400 metri di altezza e per loro è collina. Là non hanno i nostri comfort, non hanno i servizi più basilari. 

Il Nepal è da una parte un posto idilliaco e splendido, ma dall’altra ci sono posti dove regna il caos, ci sono discariche a cielo aperto e c’è molta arretratezza. 

A breve partiranno iniziative di raccolta fondi per aiutare quelle famiglie, attraverso vendite di prodotti del Nepal, che organizzerà il mio compagno di viaggio, guida alpina del Piemonte”.

 

Segui Imperiapost anche su: