IMPERIA. DISABILI, MOZIONE CAREGIVER. TENSIONE IN CONSIGLIO, MARINO (PD) ABBANDONA L’AULA POLEMICAMENTE/ECCO COSA È SUCCESSO

Home Imperia

Polemiche in Consiglio Comunale durante la discussione sulla mozione inerente alla figura del Caregiver, promossa dall’Associazione “La Giraffa a Rotelle”.

crgvr

Polemiche in Consiglio Comunale durante la discussione della mozione inerente alla figura del Caregiver, promossa dall’Associazione “La Giraffa a Rotelle”.

La mozione, presentata dal Presidente del Consiglio Diego Parodi, mira a proporre un testo da presentare al Parlamento finalizzato a sollecitare alcune modifiche sul disegno di legge, affinché venga riconosciuta e tutelata la figura del Caregiver familiare.

Durante la discussione, il consigliere del PD Fiorenzo Marino, promotore del progetto PEBA, è intervenuto per proporre un emendamento al testo, che ha però suscitato diverse polemiche.

“È un argomento che condivido in pieno – ha affermato Fiorenzo Marino Il testo approvato attualmente non è idoneo e quindi si chiede di modificarlo. Io da 25 anni mi occupo di questi argomenti, sono presidente di Anffas onlus di Imperia. Anffas nazionale è intervenuta sulla piattaforma online riguardo i disegni di legge. La commissione lavoro ha aperto una consultazione alle varie associazioni italiane per affrontare le criticità non considerate nella proposta di legge. 

Propongo quindi ai consiglieri di integrare questa mozione con l’inserimento un testo emendato da Anffas nazionale, per creare un punto di partenza per ridiscutere questa legge, per rafforzare questa iniziativa”.

GIUSEPPE FOSSATI

Siamo favorevoli, ma si tratta solo di un atto politico. Se siamo davvero sensibili a questo tema facciamo anche atti amministrativi,  dando la possibilità di accedere alla Ztl e affrontando altre tematiche concrete”.

ALESSANDRO CASANO

“La mozione porta all’attenzione una tematica importante e riguarda quello che è il nucleo fondamentale, la famiglia. Il progetto Peba ha dato la possibilità di fare qualcosa di concreto, ma manca ancora qualcosa. Per esempio rendere accessibile l’ospedale, dato che chi ha difficoltà motorie per salire e scendere dall’autobus alla fermata dell’autobus deve fare le acrobazie”.

PIERA POILLUCCI

“I membri dell’associazione sono mesi che provano a proporre mozioni, se volevamo dare un apporto tecnico dovevamo svegliarci prima. Se lo condividiamo dobbiamo approvarlo così come presentato. L’impressione è che ciascuno voglia metterci il cappello”.

A seguito delle polemiche sull’emendamento il consiglio è stato interrotto per poter dare la parola direttamente ai membri dell’associazione promotrice, i quali si sono pronunciati negativamente rispetto all’emendamento. Di conseguenza, il consigliere Marino, amareggiato, ha ritirato la proposta, lasciando la seduta. La pratica è stata approvata quindi senza emendamento (con 19 voti favorevoli, 3 astenuti e 0 contrari), con voti favorevoli del PD, nonostante l’uscita del consigliere Marino.

FIORENZO MARINO

Ritiro l’emendamento con tristezza nel cuore. Pensavo di portare un contributo positivo per un’importante iniziativa, un atto di solidarietà, dando l’appoggio di una realtà come Anffas nazionale. Pensavo fosse ben accetto. Sono rammaricato dal fatto che non si possa raggiungere un punto di unione”.

MAURO SERVALLI

“Mi sembrava fosse positivo che il consiglio affrontasse una tematica come questa per produrre un testo condiviso. Mi sembra ingeneroso accusare il consigliere Marino di voler mettere la bandierina. Bisogna riconoscere a questa amministrazione di aver fatto entrare il tema dei disabile in questo consiglio. Quindi noi su questa pratica ci asterremo”.

Segui Imperiapost anche su: