IMPERIA. IL “FARMER MARKET” ANCHE A ONEGLIA. LA PROPOSTA DELL’ASSESSORE PARODI:”PER FAVORIRE LA VENDITA DIRETTA E INCENTIVARE I GIOVANI AGRICOLTORI…”

Home Imperia

L’obiettivo è quello di favorire la vendita diretta al consumatore dei prodotti delle imprese agricole locali, in modo da accorciare la filiera e dare spazio agli agricoltori del posto.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

Schermata 2018-02-07 alle 16.42.06

Il “Farmer Market” anche a Oneglia. È questa la proposta che approderà al prossimo consiglio comunale che prevede l’organizzazione del mercato agricolo, già presente ogni martedì a Porto Maurizio in via XX Settembre, anche a Oneglia, in via Giuseppe Berio.

L’obiettivo è quello di favorire la vendita diretta al consumatore dei prodotti delle imprese agricole locali, in modo da accorciare la filiera e dare spazio agli agricoltori del posto.

La proposta prevede la creazione di 16 posteggi da assegnare tramite bando pubblico agli imprenditori agricoli che ne faranno richiesta. 

Il mercato agricolo è già attivo a Porto Maurizio in via XX Settembre – spiega l‘assessore Maria Teresa Parodi contattata da ImperiaPost – e si propone di organizzarlo anche a Oneglia di via Berio ogni venerdì.

Il progetto prevede 16 posteggi sotto il porticato – continua –  senza gazebo perché sono già coperti, alternati a un’arcata sì e una no, per non avere troppo impatto sulla strada. Grazie alla copertura dei portici, il mercato sarà al riparo dalla pioggia di inverno e dal sole d’estate, quindi gli imprenditori potranno vendere in ogni situazione climatica.

L’obiettivo è quello di dare un servizio ai cittadini, di accorciare la filiera, dando l’opportunità agli imprenditori agricoli di vendere direttamente i loro prodotti. Inoltre, sarà un mio per rivitalizzare la via.

Se la proposta sarà approvata dal consiglio comunaleaggiunge – il bando per l’assegnazione dei posti prevederà dei criteri che riguarderanno diversi aspetti, come la presenza dell’azienda nel comune di Imperia, l’età degli imprenditori, certificazioni sui prodotti.

Tutto ciò – conclude –  è finalizzato a privilegiare la qualità dei prodotti, la filiera corta e le opportunità per i giovani”.

CRITERI PER L’ASSEGNAZIONE DEI POSTEGGI:

Il rilascio della concessione per il posteggio nell’ambito del mercato di cui al presente regolamento, di durata triennale, avviene previa formulazione di una graduatoria che tiene conto dei seguenti punteggi:
– numero di presenze maturate nel mercato superiore a 20: punti 3;
– essere in possesso di certificazione attestante la qualità biologica dei prodotti che intende porre in vendita, rilasciata da istituti o enti all’uopo preposti: punti 1;
– essere in possesso di certificazione di qualità relativa ai prodotti che intende porre in vendita rilasciata da istituti o enti all’uopo preposti: punti 3;
– azienda agricola con sede nel territorio del Comune di Imperia: punti 3;
– azienda agricola con sede in un Comune limitrofo: punti 1;
– età inferiore agli anni quaranta del titolare, nel caso di impresa individuale, o di uno
dei legali rappresentanti, in caso di impresa società: punti 4;
– in caso di parità si terrà conto della data di ricevimento della domanda al Comune

CATEGORIE MERCEOLOGICHE CONSENTITE:

– prodotti agricoli vegetali e animali non trasformati, anche ottenuti secondo le norme internazionali e nazionali vigenti in materia di produzione con metodo biologico rientranti nel campo di applicazione del REG. ce N. 834/2007
– prodotti agricoli vegetali e animali trasformati destinati all’alimentazione umana composti essenzialmente di uno o più ingredienti di origine vegetale e/o animale, anche ottenuti secondo le norme internazionali e nazionali vigenti in materia di produzione con metodo biologico rientranti nel campo di applicazione del reg CE 834/2007; l’operatore ha l’obbligo di esporre al pubblico l’attestazione di certificazione biologica rilasciato dall’organismo preposto ai controlli;
– erbe officinali e aromatiche;
– prodotti per la cura della persona;
– essenze;
– fiori, fronde e piante ornamentali anche succulente.
I prodotti agricoli vegetali e animali la cui vendita è consentita sono i seguenti:
– verdura fresca e secca
– farine e preparati
– frutta fresca e secca
– succhi di frutta e di verdura – cereali
– latte
– yogurt
– formaggi e latticini
– uova
– salumi
– sottoli e sottaceti
– prodotti derivati dalla lavorazione e/o dalla trasformazione delle olive

– confetture e marmellate
– miele, polline, propoli, pappa reale, cera e derivati dell’apicoltura
– olio e aceto
– olive in salamoia
– passate e pelati
– condimenti e spezie
– funghi e tartufi,
– castagne e prodotti del sottobosco
– vini e liquori
– piante aromatiche, fiori, fronde, piante verdi e succulente, piante da orto e talee – carni fresche
– prodotti della pesca dell’acquacoltura e dell’itticoltura
– eventuali altri prodotti agricoli animali e vegetali non trasformati e trasformati
– animali vivi da cortile

E’ vietata la vendita di prodotti contenenti organismi geneticamente modificati e loro derivati (OGM).

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!