IMPERIA. “SEPTEM ULTIMA VERBA”. SABATO 24 MARZO NELLA BASILICA DI SAN MAURIZIO LA PRIMA NAZIONALE DEL MAESTRO AMERICANO MICHAEL JOHN TROTTA/FOTO E VIDEO

Cultura e manifestazioni Home

L’opera del Maestro Trotta verrà eseguita con il coro Troubar Clair e la Giovane Orchestra Note Libere in prima assoluta nazionale come prova pubblica, presso la Basilica di San Maurizio

vtgcw4gredcollage

Sabato 24 marzo alle ore 19.00 presso la Basilica di San Maurizio si terrà la prova pubblica di Septem Ultima Verba, opera del Maestro Michael John Trotta, compositore e direttore americano di musica corale.

L’ambientazione musicale, che riprende le ultime sette frasi di Gesù Crocifisso, rappresenta un‘opera classica, esistente dal XVI Secolo che ha ispirato il lavoro di Haydn e Pergolesi. Un viaggio corale in sette movimenti attraverso la Passione di Cristo che offre una storia “potente” e che comprende un susseguirsi di emozioni, dall’intima tenerezza al maestoso trionfo.

L’opera del Maestro Trotta verrà eseguita con il coro Troubar Clair e la Giovane Orchestra Note Libere in prima assoluta nazionale come prova pubblica, presso la Basilica di San Maurizio.

Seguiranno altre tre date: il 26 marzo a Napoli, il 27 e 28 marzo a Roma. Le prime due esecuzioni saranno dirette dal Maestro Trotta mentre l’ultima dal direttore Cristina Orvieto. Per l’interpretazione imperiese gli interventi dei solisti sono affidati alle giovani voci di Cristina Longobardi e Raffaele Feo, mentre l’introduzione dei concerti a due noti attori Gennaro Squillace (a Napoli) e Pietro Conversano (a Roma).

Il progetto è ideato dalle Associazioni Troubar Clair e Scuola di Musica Città di Sanremo in collaborazione con Teatro del Banchero, il Comune di Imperia tramite l’Assessorato alla Cultura e l’Associazione Templari Cattolici d’Italia; il patrocinio è della Regione Liguria e del Comune di Pieve di Teco.

CRISTINA ORVIETO – Direttore del Coro

“Ho contattato il maestro Trotta via mail perchè avevo trovato la sua composizione per caso su Internet ed era molto interessante. Era giusta per il nostro coro e per la nostra orchestra.

È subito iniziata un’amicizia che è sfociata con delle prove su skype , con Trotta, il Troubar Clair e la giovane orchestra Note Libere. Con le prove dal vivo, con il compositore, che si sono tenute questa settimana.

Il lavoro è stato tanto, ma molto soddisfacente. Abbiamo in programma questa prova pubblica ad Imperia che di fatto è una prima assoluta del Septem Ultima Verba, in Europa, in Italia e mondiale, perchè la facciamo in latino. Era già stata cantata in inglese.

Seguiranno dei concerti a Napoli e due concerti a Roma, diretti dal maestro.

Le realtà coinvolte sono il coro Troubar Clair che ha una storia trentennale e la giovane orchestra Note Libere”.

FABRIZIO RAGAZZI

“L’orchestra Note Libere è un progetto che è nato nel 2013 , è formato da un gruppo di ragazzi che studiano uno strumento musicale su questo territorio. Va dalle età più varie possibili. Si comincia quando sono in grado di affrontare la lettura di uno spartito musicale, quindi anche dagli 8 o 9 anni e si arriva sino ai più anziani che ne hanno già più di 20.

È un progetto pensato per far suonare assieme tutti i giovani che hanno la stessa intenzione nello studio della musica, cercare di imparare e vivere un’esperienza più professionale possibile.

In questo caso, con il programma di queste ore, con le ultime parole di Cristo del maestro Trotta , noi affrontiamo un brano assolutamente professionale. L’orchestra non è al completo. È un’orchestra un po’ più piccola in cui alcuni strumentisti sono sostituiti da professionisti , perchè i nostri bambini non erano del tutto in grado di affrontarlo.

Quelli che suonano, pur essendo molto giovani, sono anche molto bravi. Questo è un tentativo di dare maggiore visibilità a chi studia musica con obiettivi anche di tipo professionale”.

NICOLA PODESTÀ

“È un’iniziativa di pregio , è per noi motivo di orgoglio particolare il fatto di poter ospitare la prima nazionale europea di un compositore del livello di Michael John Trotta.

Un compositore americano di grande qualità e di esperienza, perchè ha già presentato opere interessanti , realizzate e presentate nei maggiori teatri del mondo.

Ci fa molto piacere, è stata una felice combinazione che ha portato a questa situazione. Noi abbiamo accolto con grande entusiasmo, abbiamo favorito in tutti i modi possibili questo evento qua a Imperia.

Dobbiamo essere molto grati al maestro Cristina Orvieto, al dottor Sasso e a tutti gli organizzatori di questa manifestazione, al coro Troubar Clair , all’orchestra giovanile di Sanremo che si è attivata su quello che sostiene l’iniziativa proprio fisicamente e materialmente.

È un’iniziativa culturale di grandissimo livello, che resterà nella memoria di tanti. Il tema di tipo religioso, Septem Ultima Verba , prende lo spunto dalle ultime sette parole di Cristo sulla croce.

È un tema in sintonia con la settimana santa. Sarà molto molto suggestivo, nella cornice del Duomo di San Maurizio di Imperia”.

MICHAEL JOHN TROTTA

[wzslider autoplay=”true” interval=”5000" transition=”‘slide'” lightbox=”true” exclude=”310073"]

Segui Imperiapost anche su: